Dieta e salute: broccoli e cavoli contro l’artrosi

Dieta e salute: broccoli e cavoli contro l’artrosi

Broccoli, verza e simili sono veri e propri alleati della salute: toccasana per la linea, contro i tumori e per combattere una malattia articolare dolorosa, l'osteoartrite o artrosi

da in Alimentazione, Dieta, Malattie, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    Broccoli, alleati contro l’osteoartrite

    Quando si scelgono gli alimenti giusti, anche la dieta può riservare sorprese davvero salutari: preziosi alleati contro diverse forme tumorali, ma non solo, broccoli, cavoli, verza e simili si confermano veri toccasana per tutto l’organismo. L’ultima dote nascosta, smascherata da un gruppo di ricercatori britannici? Le crucifere sono ottimi per combattere lo sviluppo della forma più diffusa di artrite, l’osteoartrite.

    Vegetali davvero super, almeno stando alle prime evidenze scientifiche di uno studio triennale, condotto oltremanica dai ricercatori dell’University of East Anglia, nel Regno Unito, proprio sui possibili rapporti e meccanismi di interazione tra alimentazione e artrite.

    Buone, belle e, soprattutto brave: broccoli, cavoli & Co, dalle note proprietà antitumorali, alleate anche della linea, sembrano avere effetti davvero benefici sulla malattia, nota anche come artrosi, caratterizzata dalla degenerazione della cartilagine articolare, il tessuto che ricopre le estremità delle ossa lunghe consentendo una riduzione degli attriti.

    Tutto merito, secondo i ricercatori, del sulfurano, una sostanza presente in grosse quantità proprio nei vegetali della famiglia delle crucifere, come broccoli e verza.

    Questo composto sembra essere in grado di contrastare efficacemente l’azione degli enzimi responsabili dello sviluppo della patologia articolare.

    “In una popolazione che invecchia lo sviluppo di nuove strategie per combattere le malattie legate all’età come l’osteoartrite è di vitale importanza per migliorare la qualità della vita dei pazienti, ma anche anche per ridurre l’onere economico per la società” ha sottolineato uno degli autori dello studio britannico, Ian Clark.

    330

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneDietaMalattieNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI