Dieta dopo la colecistectomia: l’alimentazione da seguire

Dieta dopo la colecistectomia: l’alimentazione da seguire
da in Dieta, Interventi Chirurgici
Ultimo aggiornamento:

    dieta dopo la colecistectomia alimentazione

    Quale dieta dopo la colecistectomia? Scopriamo insieme l’alimentazione a cui ci si deve attenere dopo aver subito un intervento di asportazione della colecisti. Le regole da seguire sono quelle che si legano inestricabilmente all’accumulo della bile prodotta dal fegato tra un pasto e l’altro. La bile svolge una funzione molto importante, perché facilita la digestione e l’assorbimento dei grassi e delle vitamine. E’ essenziale sapersi regolare nelle implicazioni dietetiche, per ridurre le complicazioni in cui si può incorrere dopo l’operazione.

    Dopo l’operazione di colecistectomia, nel nostro organismo manca la concentrazione biliare operata dalla cistifellea. Tuttavia la bile stessa non cessa di essere prodotta e si riversa direttamente nell’intestino. La colecisti non è un organo fondamentale, per cui la digestione può avvenire normalmente, anche se bisogna prestare attenzione soprattutto nella prima fase dopo l’intervento.

    Generalmente le indicazioni mediche per chi ha appena subito l’intervento che implica l’uso dell’anestesia generale prescrivono di bere soltanto qualche sorso d’acqua. Se non si ha la nausea, si potrà mangiare il giorno successivo.

    Per le prime settimane si deve seguire una dieta povera di alimenti ricchi di grassi, quindi niente:

    • formaggi,
    • salumi,
    • uova,
    • burro,
    • altri tipi di grassi animali e vegetali,
    • carni affumicate,
    • carni grasse,
    • frutta secca.

    Si devono privilegiare piatti semplici e pasti piccoli e frequenti.

    Subito dopo l’intervento, per qualche giorno alcuni pazienti possono soffrire di episodi di diarrea. Per risolvere al meglio questo problema, si devono evitare i seguenti cibi:

    • caffè,
    • cioccolato,
    • spezie,
    • alcol,
    • latticini,
    • frullati,
    • bevande gassate.

    Si possono, invece, mangiare:

    • banane,
    • cereali,
    • pasta,
    • pane tostato.

    La stitichezza può essere provocata dagli antidolorifici che si assumono per alleviare il dolore. La stipsi va combattuta con una dieta ricca di fibre. Si possono mangiare, quindi, i seguenti alimenti:

    • verdura sia cotta che cruda,
    • legumi,
    • cereali integrali,
    • frutta di stagione.

    Subito dopo il primo periodo dopo l’intervento, si può ritornare ad una dieta normale, in base alle preferenze di ciascuno. Non ci si deve lasciare andare ad abbuffate, soprattutto per evitare il rischio di dispepsia e di reflusso gastroesofageo. Deve essere progressiva la reintroduzione di cibi più ricchi di grassi. In caso di difficoltà digestive si può ricorrere a degli integratori prescritti dal medico.

    555

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DietaInterventi Chirurgici
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI