Dieta: come orientarsi tra bufale e luoghi comuni sul cibo

da , il

    anziani

    Basta! Le convizioni sbagliate a tavola sono un gravissimo errore che tutti quanti facciamo in buona fede, magari rischiando di rovinare i periodi di vera dieta impegnata passati tra sofferenze e lacrime, fatte seriamente perche’ ce lo ha detto il dottore.

    Ad esempio: c’e’ chi per dimagrire salta gli stuzzichini, chi invece a piedi pari si salta i pasti, ebbene, in entrambi i casi non si puo’ parlare di vera dieta, ma di una bufala, perche’ le calorie non si assumono in un solo pasto, e se si salta un pasto saranno assorbite con il pasto successivo.

    Sono cibi indispensabili:

    * carboidrati

    * proteine

    * frutta

    * verdura

    * acqua

    Sono condimenti da valutare di volta in volta

    * grassi

    * oli

    * spezie

    La dieta mediterranea

    Una delle belle cose dell’Italia e’ di sicuro il fatto che anche un cattivo cuoco con le buone ricette e il cibo genuino riesce a cucinare dei piatti che si fanno mangiare gia’ con gli occhi e con il naso. Per questo a tavola c’e’ l’abitudine di mangiare variato, ma a volte un po’ si esagera.

    Chi vuole avere massa muscolare, ad esempio, ma non grasso, tendenzialmente si abitua a mangiare proteine e carne, in mancanza delle quali sono sostituite con gli integratori proteici: ebbene, questa e’ una delle prime cattive abitudini alimentari da sfatare, mangiare iperproteico senza fare movimento non solo fa male, ma anche fa ingrassare e non fa aumentare la massa muscolare.

    Puo’ essere d’aiuto per non dimagrire, dopo un periodo di stress da allenamento, per non perdere muscolo gia’ presente, in attesa di riprendere a fare movimento fisico, ma non va bene se si vive una vita sedentaria o semplicemente normale. Sono il movimento e l’allenamento a sviluppare il muscolo e non la proteina.

    Chi va in palestra perche’ vuole curare il proprio aspetto fisico, spesse volte, vive nella convinzione che per fare meglio saranno da eliminare i grassi della dieta alimentare; ebbene no, perche’ certi grassi, come ad esempio gli acidi grassi essenziali, servono per rimanere in salute.
    Senza certi grassi il corpo si ridurrebbe a una massa di carne e muscolo senza protezioni, ad esempio hanno bisogno di grasso i reni, la schiena, in generale le parti piu’ delicate, che devono essere protette e avere una riserva di energia per i momenti di malattia.

    Saltare la colazione serve a introdurre meno calorie: questo e’ uno degli errori classici che si fanno. Saltare il pasto che si brucia piu’ velocemente non serve affatto per consumare le riserve, ma serve solo ad abituare il corpo a consumare meno zuccheri al mattino. Questo fatto non e’ mortalmente dannoso, ma e’ svantaggioso per chi la mattina deve lavorare con concentrazione e attenzione: senza gli zuccheri il cervello lavora molto peggio e con piu’ fatica.

    GIOCA CON IL CIBO

    Certe persone evitano la pasta per non assumere zuccheri indirettamente, ebbene, queste persone, a meno che non soffrano di obesita’ o di celiachia stanno facendo una operazione del tutto sbagliata, perche’ se la pasta contiene farinacei che fanno ingrassare, contiene anche i carboidrati che il corpo umano e’ abituato a sintetizzare. Se il corpo non puo’ piu’ sintetizzare rischiera’ di essere davvero soggetto a improvvisi aumenti di grasso nei periodi in cui e’ nutrito normalmente.
    E’ un bene ricordare, a questo punto, che le calorie giornaliere da assumere a seconda del peso di ogni individuo, attraverso una dieta bilanciata, possono subire delle leggere variazioni dovute alla quantita’ di moto che la persona fa, prima di tutto, poi a seconda del tipo di corporatura che ha, ma anche a seconda delle abitudini della “macchina”.

    CALCOLO DEL PESO FORMA

    Chi ha un metabolismo abituato a consumare poco, ingrassera’ appena il poco aumenta, chi invece ha un metabolismo abituato a consumare molto, dimagrira’ con il minimo sforzo. Per questo prima di parlare in generale di diete e’ bene sapere quali sono le abitudini alimentari pre- dieta della persona che vuole dimagrire.

    Altra falsita’: la carne fa ingrassare. Bene, anche questo non e’ per niente vero, perche’ la carne, come i frutti di mare e i legumi, serve per avere proteine, ferro e vitamina B e insieme ai formaggi e latticini e’ un secondo piatto che non va bene saltare.

    La dieta vegetariana, a meno che non sia obbligata, manca di alcune qualita’, mentre del resto mangiare solo frutta e verdura non e’ dimagrante perche’ il dimagrimento dipende sempre da che cosa e da quanto si mangia.

    Saltare i pasti per compensare le abbuffate fa male, piuttosto e’ meglio ripiegare su una minestra, una insalatina o un brodino, che sono leggeri ma tengono il corpo abituato al pasto.

    Del resto se si deve fare una dieta non la si fa per un solo pasto, ma per una serie di settimane almeno, per cui dopo le abbuffate, a meno che davvero non si stia male al punto di predere solo un buon the, tanto vale fare un pasto leggero lo stesso.

    In fatto di condimenti invece e’ banale ricordare che l’olio non fa male a meno che non si sia soggettivamente sensibili. I grassi animali sono piu’ pesanti, mentre quelli vegetali sono piu’ leggeri. Naturalmente i condimenti non sono il pasto, ma devono restare dei condimenti. L’insalata e la bistecca non devono galleggiare nell’olio, chiaro, ma una goccia d’olio qua e la’ fa solo che bene.