Dieta: bambine preoccupate già a tre anni

Dieta: bambine preoccupate già a tre anni

Una recente ricerca ha messo in evidenza che molte bambine già a tre anni nutrono preoccupazioni per la dieta e il peso corporeo

da in Benessere, Dieta, Disturbi alimentari, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    dieta

    La dieta è fonte di ossessione per molti, che si preoccupano per il loro peso corporeo. In effetti mangiare sano dovrebbe essere uno stile di vita che tutti dovremmo mettere in atto, se vogliamo fare qualcosa di concreto per pensare seriamente alla nostra salute. A proposito di dieta e di attenzione in campo alimentare un dato piuttosto allarmante è quello che emerge da una ricerca condotta presso la University of Central Florida.

    Per portare avanti lo studio sono state prese in considerazione 121 bambine e si è riscontrato che quasi la metà di quelle che avevano un’età compresa dai tre ai sei anni mostravano preoccupazioni in relazione al loro peso. In particolare l’aspetto fisico era al centro anche dei giochi delle bambine, che passavano molto tempo a compiere azioni ludiche utilizzando soprattutto pettini e fermagli. Questi ultimi venivano preferiti anche a discapito dei giocattoli che avevano a che fare con i cartoni animati più amati dai bambini.

    Gli studiosi hanno spiegato che questa tendenza manifestata dalle bambine è da rapportare in modo particolare alla cattiva abitudine di trascorrere molte ore davanti alla televisione, facendosi influenzare dai messaggi pubblicitari, che spesso propongono modelli ideali basati sulla bellezza fisica.

    La questione è piuttosto delicata, perché è stato dimostrato come i piccoli che si preoccupano del peso crescendo corrono un rischio maggiore di incorrere nei disturbi alimentari.

    La soluzione secondo i ricercatori sarebbe quella che gli adulti possono adottare, stando vicino ai loro figli e spiegando loro, in modo che essi si abituino a non identificare la bellezza con la magrezza.

    Immagine tratta da: benessere.blogup.it

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDietaDisturbi alimentariPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI