NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dieta aproteica: cosa mangiare e chi la deve seguire

Dieta aproteica: cosa mangiare e chi la deve seguire

La dieta aproteica comporta lo stare attenti a cosa mangiare e a chi la deve seguire

da in Dieta, Proteine

    dieta aproteica cosa mangiare chi la deve seguire

    Dieta aproteica: cosa mangiare e chi la deve seguire? Questo tipo di alimentazione prevede la diminuzione delle proteine rispetto agli altri nutrienti assunti. Di solito si mette in atto in presenza di alcune patologie, come l’insufficienza renale o quando sono presenti delle disfunzioni epatiche. Si tratta di prevedere un ridotto consumo di proteine, tenendo conto che normalmente il loro apporto deve essere compreso fra 0,9 e 1,1 grammi per kg di peso. Con la dieta aproteica non si dovrebbe superare l’intervallo compreso fra i valori 0,5 e 0,8 g/kg. Vediamo quali sono tutte le informazioni da sapere riguardo a questo tipo di dieta e specialmente per chi è indicata.

    Nella dieta aproteica in generale vengono ridotte le proteine sia di origine animale che vegetale. Si dà, quindi, meno spazio alla carne, alle uova, al pesce e ai latticini, ma anche ai legumi, che sono fra gli alimenti più ricchi di proteine. Ci sono alcuni particolari alimenti che sono stati studiati appositamente per essere consumati dalle persone che soffrono di alcune patologie. Ad esempio, esistono in farmacia il pane aproteico, la pasta aproteica e i biscotti aproteici. Vediamo nello specifico un menu tipo adatto per la dieta aproteica.

    Colazione: yogurt magro alla frutta oppure macedonia con caffè o 2 fette biscottate aproteiche con marmellata.
    Spuntino: un frutto.
    Pranzo: 70 grammi di pasta aproteica con pomodoro o 130 grammi di minestrone di verdure. Come secondo si può scegliere non la carne rossa, più proteica, ma quella bianca, come il tacchino, il pollo o il coniglio.

    Merenda: un frutto.
    Cena: mozzarella senza sale con verdure miste.

    La dieta aproteica, caratterizzata da un ridotto apporto di proteine, deve essere seguita da chi soffre di disfunzioni epatiche o renali. Questi organi, infatti, sono coinvolti direttamente nel metabolismo delle proteine. Il fegato interviene nella disgregazione degli amminoacidi, producendo una molecola di rifiuto chiamata urea. Questo prodotto del metabolismo viene poi eliminato attraverso le urine, grazie all’azione dei reni.

    Se questi non funzionano bene o viene prodotta troppa urea, in seguito ad un eccessivo apporto proteico della dieta, si verifica un aumento della concentrazione di sostanze azotate nel sangue. E’ quella che viene chiamata uremia. Nei casi più gravi si può arrivare anche all’insufficienza renale.

    Anche il fegato può funzionare male, nei casi di insufficienza epatica. E in questo caso si ha l’accumulo di ammoniaca nel sangue, che può condurre anche all’epatite virale o alla cirrosi epatica. La dieta aproteica serve proprio a ridurre il lavoro a carico di fegato e reni e a prevenire la comparsa di disturbi particolarmente complicati.

    556

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DietaProteine
    PIÙ POPOLARI