Dieta: al bando l’improvvisazione

Anche se su questo blog vi proponiamo spesso diete di ogni genere resta chiaro il fatto che le diete divulgate in rete o sui giornali possono essere seguite per poco tempo e soprattutto da chi non ha seri problemi di salute o alimentari

da , il

    donna cibo

    Anche se su questo blog vi proponiamo spesso diete di ogni genere resta chiaro il fatto che le diete divulgate in rete o sui giornali possono essere seguite per poco tempo e soprattutto da chi non ha seri problemi di salute o alimentari. In questi casi è sempre consigliato andare da un dietologo. Non bisogna scherzare con l’alimentazione perchè fornisce i principi base per il corretto funzionamento del nostro organismo e non può essere assolutamente trascurata. Vediamo come mai alcune diete sarebbero da bandire.

    False promesse e possibili danni all’organismo. Sono gli effetti di una dieta fatta senza pensare alle conseguenze. Prendiamo le diete che impongono di mangiare solo un tipo di frutta che varia a seconda della stagione: uva, ananas, fragola, melone. Secondo voi quali possono essere i risultati? Sicuramente un dimagrimento velocissimo ma quale la carenza di nutrienti fondamentali? E poi quanto velocemente si recupera i chili persi una volta sospesa la dieta? Direi che le risposte a queste domande spiegano davvero tutto.

    Veniamo ad un’altra dieta molto pubblicizzata: quella del minestrone. Si può fare ma per uno o massimo tre giorni. In questo periodo il corpo si depura e non si ingrassa ma attenzione a farla per più tempo. Al corpo mancherebbero carboidrati e proteine che sono essenziali per mantenere la buona salute dell’organismo.

    Attenzione quindi a privare l’organismo di determinati alimenti. Tutto serve. Quindi la dieta mediterranea resta sempre la migliore perchè consente di mangiare tutto. Basta regolarsi con le quantità e con i condimenti, evitare cibi preconfenzionati e merendine varie e bere molta acqua. Cosi si può davero raggiungere il peso forma senza danneggiare l’organismo. Accadrà in un periodo più lungo ovviamente, ma sarà anche una perdita più definitiva.