Una nuova cura per il diabete con la manipolazione cellulare

Una nuova cura per il diabete con la manipolazione cellulare

La nuova chiave del successo, quando si tratta di contrastare il diabete potrebbe essere nella manipolazione cellulare, secondo uno studio italiano

da in Cellule, Diabete, Insulina, Ricerca Medica, Cornea
Ultimo aggiornamento:

    diabete cura manipolazione cellulare

    Nuove prospettive di cura per il diabete, una patologia cronica che colpisce milioni di persone in tutto il mondo, arrivano da una sperimentazione tutta italiana, firmata da un team di esperti dell’Università di Palermo. Il segreto della nuova terapia sarebbe nella manipolazione cellulare per la produzione di insulina.

    Presentata recentemente, in occasione del Forum mediterraneo in Sanità 2011, la ricerca palermitana ha ottenuto un brevetto internazionale nel dicembre dello scorso anno ed è al centro di un accordo segreto con la Cina, dove il numero delle persone affette da diabete è in costante aumento. Infatti, nel Paese asiatico, entro il 2030, secondo le stime ufficiali, la fetta di popolazione costretta a convivere con la malattia passerà da circa 40 milioni a ben 60 milioni, con un tasso di incremento difficile da sottovalutare.

    Abbiamo preso spunto da tecniche di medicina rigenerativa, sostituendo nell’organismo le cellule produttrici di insulina. Le sperimentazioni a oggi più interessanti sono quelle sulle cellule staminali embrionali, cellule pluripotenti in grado di dare origine ad altre per la ricostruzione di organi. Da queste cellule però poche fino ad ora hanno dimostrato la capacità di produrre insulina” ha sottolineato la promotrice della ricerca, Carla Giordano.

    “La nostra fase di sperimentazione si svolge in una regione dell’occhio vicina alla cornea, ricchissima di staminali. Abbiamo sperimentato che in quell’area le cellule riescono a moltiplicarsi, fino al 77% di quelle trattate, mantenendo la loro stabilità cromosomica ottenendo in 15 giorni un’ottima produzione di cellule produttrici di insulina” ha aggiunto la ricercatrice italiana.

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CelluleDiabeteInsulinaRicerca MedicaCornea
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI