Le novità nei farmaci antidiabete

Le novità nei farmaci antidiabete

Gli scienziati statunitensi hanno messo a punto una nuova strategia per contrastare il diabete, grazie a una nuova classe di farmaci, che assicurano di ridurre i possibili effetti collaterali

da in Diabete, DNA, Farmaci, News Salute, Proteine
Ultimo aggiornamento:

    diabete, nuovi farmaci

    Dalla ricerca scientifica, novità interessanti per la terapia del diabete: un team di scienziati statunitensi ha messo a punto una nuova classe di farmaci antidiabete, in grado di colpire un unico interruttore molecolare della patologia, riducendo notevolmente gli effetti collaterali delle cure utilizzate fino a ora.

    Le cure tradizionali per gestire il diabete potrebbero avere le ore contate o, meglio, potrebbero subire modifiche sostanziali, grazie alla scoperta, da parte di alcuni ricercatori dello Scripps Research Institute e del Dana-Faber Cancer Institute della Harvard University, di una nuova classe di farmaci antidiabetici, che potrebbe garantire la riduzione al minimo dei possibili effetti collaterali.

    La sperimentazione made in Usa potrebbe aprire nuove prospettive di cura per la malattia cronica, che colpisce, solo negli Stati Uniti, 24 milioni di persone, adulti e bambini, come sottolineato sulle pagine della rivista Nature. La novità farmacologica è un composto chimico, identificato con la sigla SR1664 in grado di agire in modo selettivo e innovativo contro i meccanismi della patologia.

    “In questo studio, abbiamo dimostrato questi nuovi composti funzionano in modo efficace attraverso un meccanismo d’azione che colpisce un obiettivo di grande rilevanza clinica per il diabete.

    Un meccanismo d’azione che limita in modo significativo gli effetti collaterali dei farmaci attualmente in commercio”, ha sottolineato uno degli autori della ricerca, Patrick Griffin.

    Tutta questione di geni, o quasi: gli esperti hanno individuato la comparsa di disfunzioni in molti geni, quando una particolare proteina, PPAR, subisce il processo di fosforilazione, cioè quando si aggiunge un gruppo fosfato, da parte di un enzima, il Cdk5 chinasi. Il segreto del nuovo approccio terapeutico è bloccare l’azione del Cdk5 sulla proteina PPAR.

    337

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DiabeteDNAFarmaciNews SaluteProteine
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI