Diabete: incoraggianti risultati grazie al botulino contro la neuropatia diabetica

Diabete: incoraggianti risultati grazie al botulino contro la neuropatia diabetica

Oggi la terapia della neuropatia diabetica, in assenza di una letteratura completa che possa far comprendere al meglio l’esatta genesi della condizione patologica, si affida ai farmaci sintomatici che per lo meno affranchino il paziente dalla sofferenza

da in Botulino, Diabete Tipo-I, Farmaci, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    test glicemia

    Il paziente diabetico affetto da neuropatia diabetica ben sa a quali sofferenze questa condizione clinica lo esponga; dolore, senso di intorpidimento degli arti inferiori, desquamazione della pelle con possibilità di infezioni e nei casi più gravi persino necrosi degli arti interessati. Fra i tanti disturbi associati a tale stato patologico il paziente diabetico accompagna il tutto a serti disturbi del sonno, con caduta della propria performances fisica.

    Oggi la terapia della neuropatia diabetica, in assenza di una letteratura completa che possa far comprendere al meglio l’esatta genesi della condizione patologica, si affida ai farmaci sintomatici che per lo meno affranchino il paziente dalla sofferenza. Atteso che non esiste una vera cura in grado di risolvere il problema alla fonte.

    Tuttavia la probabile soluzione al problema potrebbe giungere da un veleno, il botulino, o meglio, la tossina botulinica di tipo A (Botox ), lo stesso utilizzato in maniera diversa nella chirurgia estetica e che avrebbe dimostrato nel paziente diabetico affetto dal dolore neuropatico una incoraggiante efficacia clinica. Tale efficacia si esplica andando ad assistere alla funzione della sostanza che è quella di inibire il rilascio di acetilcolina e non solo, alla stessa tossina è annesso anche il compito di interagire sulla stimolazione nervosa fornendo quell’induzione atta a ridurre il dolore.


    La ricerca scientifica che è stata fatta per giungere a tali conclusioni è stata effettuata a Taiwan in 18 pazienti affetti da dolore diabetico neuropatico. I risultati ottenuti che attendono adesso il vaglio della Comunità Scientifica avrebbero dimostrato che la Tossina botulinica di tipo A riduce in maniera significativa il dolore neuropatico diabetico e migliora in maniera transitoria la qualità del sonno. ( Xagena2009 )

    Yuan RY et al, Neurology 2009; 72: 1473-1478

    327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BotulinoDiabete Tipo-IFarmaciRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI