NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Dermatite erpetiforme: cause, sintomi e cura

Dermatite erpetiforme: cause, sintomi e cura

La dermatite erpetiforme è una forma di irritazione della pelle, che si manifesta generalmente con numerose vesciche e bolle. Le cause sono strettamente correlate alla celiachia, infatti la miglior cura si basa su un'alimentazione priva di glutine in grado di far regredire la sintomatologia, ma non la patologia.

da in Celiachia, Dermatite, Malattie, Pelle
Ultimo aggiornamento:

    Quali sono le cause, i sintomi e la cura per la dermatite erpetiforme?
    Riconosciuta anche con il termine “di Duhring”, è una malattia costituita dall’irritazione della pelle a causa dell’insorgenza di numerose bollicine e vesciche, che provocano un’intensa sensazione di prurito. Questa patologia cutanea è considerata una delle malattie rare della pelle sempre correlata alla celiachia; per questo viene definita come celiachia della pelle. In genere, la dermatite erpetiforme è ritenuta una malattia cronica per il fatto che si manifesta, in chi ne è affetto, in modo ciclico. Questa particolare tipologia di dermatite è piuttosto rara nei bambini e negli anziani; prevale, invece, più di frequente negli adulti e nei giovani.

    La dermatite erpetiforme, nonostante l’appellativo, non è correlata ad alcuna forma di herpes: tuttavia, il termine erpetiforme si riferisce alle particolari manifestazioni cutanee caratterizzate dalla comparsa di vesciche, bolle e crosticine, che ricordano i tipici segni lasciati dall’Herpes. Inoltre, la malattia è nota anche col nome di dermatite erpetiforme di Duhring in onore del medico che l’ha scoperta e descritta per la prima volta nel 1884. Tuttavia, solo nel 1960 è stata individuata la stretta correlazione con la manifestazione celiaca. Quindi, chi è affetto da dermatite erpetiforme è sicuramente celiaco, ma un celiaco non necessariamente manifesta la patologia di Duhring.

    Le cause della dermatite erpetiforme sono associate alla celiachia, infatti questa tipo di dermatite può essere considerata a tutti gli effetti l’effetto cutaneo di un’intolleranza alimentare al glutine. In entrambi i casi, è implicata una disfunzione genetica che impedisce al sistema immunitario di riconoscere alcune strutture come proprie dell’organismo stesso. Nella celiachia tutto ciò si traduce in un attacco rivolto alla mucosa intestinale. Nella dermatite erpetiforme l’attacco interessa l’epidermide: gli anticorpi, infatti, danneggiano le cellule della pelle. Tuttavia, la manifestazione erpetiforme si associa molte volte anche ad altre patologie auto-immunitarie come:

    I sintomi della dermatite erpetiforme insorgono generalmente dopo il decimo anno di età, più frequentemente nel periodo che va dai 20 ai 30 anni. Se la patologia non viene tempestivamente trattata, le lesioni cutanee possono permanere per lunghi periodi per poi scomparire e ripresentarsi periodicamente. Spesso capita che la malattia abbia una manifestazione simmetrica, interessando parti simmetriche del corpo. Le zone del corpo maggiormente interessate sono le ginocchia, i gomiti, le spalle e la regione lombare, ma in alcuni casi la dermatite erpetiforme colpisce anche il viso, le mani e il cuoio capelluto. Raramente, è possibile un interessamento dell’intera superficie corporea.

    La sintomatologia è caratterizzata principalmente da:

    • vesciche raggruppate in varie zone del corpo
    • macchie eritematose
    • bollicine sostituite poi da croste
    • arrossamento
    • forte prurito
    • bruciore
    • diversa pigmentazione della cute

    Solitamente, la dermatite erpetiforme è un’eruzione cutanea altamente pruriginosa, tanto che il conseguente strofinamento può essere causa di ulteriori sovrainfezioni batteriche.

    La dermatite erpetiforme non è una patologia facilmente identificabile perchè le lesioni cutanee non sono sempre associate alla tipica sintomatologia del morbo celiaco. In alcuni casi, addirittura, la sintomatologia cutanea è del tutto assente. Talvolta, la patologia viene confusa con altri tipi di lesione cutanea che hanno sintomi simili. Seppur rara, la dermatite erpetiforme nei bambini può essere confusa con la dermatite atopica, mentre negli adulti la sintomatologia può essere erroneamente scambiata per un’infezione da Herpes zoster.
    Per diagnosticare la dermatite erpetiforme si esegue una biopsia cutanea, in modo da ricercare gli anticorpi responsabili della patologia, effettuando l’analisi su una piccola parte di tessuto cutaneo non interessato dai sintomi. Se si riscontra la presenza di anticorpi di tipo IgA, è molto probabile che il soggetto sia affetto dalla malattia.
    Talvolta, ci si può sottoporre ad ulteriori test di identificazione, fra cui si ricordano:

    • Anticorpi sierici anti endomisio (EMA)
    • Anticorpi sierici anti gliadina (AGA)
    • Anticorpi sierici anti transglutaminasi (TGA)

    È importante non trascurare di effettuare un controllo presso un esperto, soprattutto perché ad oggi la celiachia è una malattia molto diffusa per cui è fondamentale la diagnosi precoce.

    Per il trattamento della sindrome di Duhring possono essere prescritti farmaci come la sulfapiridina e la sulfametossipiridazina, i quali sarebbero in grado di determinare una regressione dei sintomi nel giro di pochi giorni, pur non agendo in maniera definitiva sulla malattia.
    Nel caso questi trattamenti farmacologici non risultassero efficaci, si somministra il dapsone, un farmaco appositamente studiato per la dermatite erpetiforme, coadiuvante del regime dietetico gluten-free, efficace contro la sintomatologia ma con effetti collaterali non indifferenti, come vomito, inappetenza e anemia.

    Per chi è celiaco è obbligatorio eliminare il glutine dalla propria alimentazione, come anche per chi è affetto da dermatite erpetiforme. Tuttavia, la paura più grande in questi casi è quella di non poter mangiare più nulla. In effetti sono tanti gli alimenti da evitare, ma ce ne sono altri che sono naturalmente privi di glutine. Nella tabella sotto riportata cerchiamo di far maggior chiarezza:

    Alimenti privi di glutineAlimenti da evitare
    RisoZuppe di cereali misti
    MaisRisotti pronti
    MiglioSnack
    Grano saracenoSalsa di soia
    PatatePanna
    ManiocaYogurt alla frutta
    AmarantoLatte condensato
    SorgoBudini
    QuinoaSalumi
    LegumiPiatti pronti
    FruttaCarni confezionate
    VerduraBurro e margarina
    LatteMaionese
    YogurtOli di cereali vari
    PesceCacao
    CarneCreme spalmabili
    Olio extra vergine d’olivaCaramelle

    1050

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CeliachiaDermatiteMalattiePelle
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI