Dermatite allergica: cause, sintomi e cura [FOTO]

Dermatite allergica: cause, sintomi e cura [FOTO]

La dermatite allergica ha come cause il contatto con l’allergene

da in Allergie, Dermatite, allergie pelle
Ultimo aggiornamento:

    La dermatite allergica consiste nell’infiammazione della pelle, che è determinata dalla risposta immunitaria nei confronti di alcune sostanze estranee all’organismo. Queste ultime sono gli allergeni. Il fenomeno comprende delle cause ben precise, rintracciabili nel contatto della sostanza ritenuta pericolosa con la cute. Tutto ciò scatena dei sintomi che comportano la comparsa di infiammazione, gonfiore, irritazione e crosticine. L’estensione dei sintomi può riguardare varie parti del corpo, anche la mano e il viso. La cura consiste nel ricorso ai farmaci cortisonici.

    Le cause

    Le cause della dermatite allergica vanno rintracciate nel contatto tra la pelle e l’allergene. Già alla prima vicinanza le cellule del sistema immunitario si sensibilizzano. Ad ogni ulteriore contatto con l’allergene, la dermatite, con il suo caratteristico quadro sintomatologico, compare sempre più precocemente. In genere le lesioni si manifestano nelle aree a contatto con la sostanza nei confronti della quale avviene la reazione da parte delle difese immunitarie. In ogni caso la zona colpita può anche intaccare le cellule circostanti, estendendo il problema.

    A volte capita che la dermatite, detta anche eczema, appaia in zone molto lontane dall’area di contatto. Non si sa bene con sicurezza perché ciò riesca ad accadere. Probabilmente l’allergene riesce a penetrare in profondità e si diffonde nell’organismo.

    Gli allergeni possono essere vari: metalli, profumi e sostanze che si trovano nei cosmetici (in particolare nichel, cobalto e cromo). Tutto ciò significa che diversi oggetti possono scatenare una reazione allergica: gioielli, accessori come le cinture, forbici, occhiali, prodotti in cemento.

    I sintomi

    I sintomi della dermatite allergica consistono in delle manifestazioni cutanee. Le zone colpite sono interessate da un prurito intenso, che è in tutti i casi presente, dall’irritazione e dall’infiammazione con l’arrossamento della pelle e con il gonfiore, e dalla formazione di crosticine, che in molti casi sono anche accompagnate da vescicole. Nelle forme di dermatite allergica alimentare, compaiono altri sintomi come il vomito e la diarrea. Soprattutto nei bambini l’eczema allergico vuole esprimere la reazione in risposta ad un’allergia alimentare.

    La cura

    La cura della dermatite allergica non può prescindere dalla prevenzione, che dovrebbe consistere nell’evitare, per quanto sia possibile, il contatto con un dato allergene, nei confronti del quale l’organismo ha manifestato una certa sensibilizzazione. Per molte sostanze è facile evitare il contatto, per altre diventa più complesso e, quindi, si incorre nei sintomi tipici. In questo caso si deve far ricorso, sotto prescrizione medica, ai cortisonici da applicare a livello topico.

    Per un’accurata prevenzione del problema e per comprendere meglio anche le terapie da utilizzare, bisogna sottoporsi al pach test, per la diagnosi della patologia. Alcuni dischetti sono posti a contatto con la cute per 48 ore. Successivamente vengono messe in atto due letture a distanza di due giorni. Se si riscontrano arrossamento, gonfiore e prurito, il test risulta positivo.

    588

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieDermatiteallergie pelle
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI