Depressione: quella del padre condiziona i figli

Secondo una recente ricerca la depressione paterna influisce negativamente sullo sviluppo emotivo dei figli, che corrono il rischio di soffrire di disturbi comportamentali

da , il

    depressione

    La depressione è una patologia piuttosto grave che porta con sé perdita di fiducia in se stessi, una visione del mondo improntata sugli aspetti negativi della realtà, mancanza di risorse interiori per superare la trappola mentale in cui la malattia spinge. Per questo gli studi e le scoperte che riguardano la depressione sono sempre molto importanti, perché possono offrire nuovi spunti per trovare rimedi efficaci contro una malattia che spesso può essere devastante per chi la vive e anche per chi vive con familiare affetto da depressione.

    L’ultima scoperta in questo campo viene dai ricercatori del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Oxford, i quali sono arrivati alla conclusione che la depressione del padre avrebbe un’influenza diretta sui figli. Coloro il cui padre è affetto da depressione o da altri disturbi psichici corrono maggiormente il rischio di incorrere in problemi comportamentali.

    La figura del padre svolge un ruolo molto importante nel determinare lo sviluppo dell’emotività dei figli, molto più di quanto si credeva in passato. Nel caso in cui sia la madre ad essere affetta da depressione, i bambini ne risentono, in quanto vengono privati delle cure adeguate, ma da quanto è emerso da questo studio si comprende che anche la figura paterna esercita un condizionamento fondamentale nella costruzione delle parti emotive della personalità infantile.

    E’ dunque auspicabile una maggiore attenzione rivolta a quelle forme di depressione a cui anche i padri sono soggetti dopo la nascita di un bimbo in seguito al cambiamento nella vita della coppia e della famiglia. Solo in questo modo si possono attivare forme di intervento precoci, per evitare che i disturbi del padre possono influire negativamente sul benessere psicologico dei figli.

    Immagine tratta da: blog.libero.it