Depressione: fare tardi ne aumenta il rischio

Depressione: fare tardi ne aumenta il rischio

Andare a dormire tardi la sera fa aumentare il rischio per gli adolescenti di incorrere nella depressione e nei pensieri autolesionistici

da in Benessere, Depressione, Mente, Prevenzione, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    depressione

    La depressione rappresenta una patologia che affligge molte persona, le quali si ritrovano ad affrontare un percorso terapeutico spesso difficile e pieno di ostacoli per recuperare il loro stato di salute. E’ opportuno perciò mettere in atto le adeguate forme di prevenzione, per cercare di evitare l’insorgenza del disturbo.

    In questo senso un aiuto può venire dall’andare a letto presto. In effetti, come ha avuto modo di dimostrare una recente ricerca, gli adolescenti che sono soliti fare tardi la sera, andando anche oltre la mezzanotte, avrebbero un rischio maggiore rispetto agli altri di incorrere nel disturbo depressivo. L’ideale sarebbe andare a dormire già alle dieci di sera. E’ ciò che è stato dichiarato da parte dei ricercatori della Columbia University di New York.

    Gli studiosi sostengono che poter disporre delle adeguate ore di sonno permette di affrontare nel migliore dei modi tutti i motivi di stress a cui siamo esposti nel corso della nostra vita di ogni giorno.

    Andare a dormire presto costituirebbe quindi una valida difesa contro i disturbi che possono interessare la nostra mente.

    D’altronde i benefici connessi al sonno sono piuttosto noti. Lo studio non ha fatto altro che confermare dei principi ormai affermati. I ricercatori hanno preso in considerazione 15.000 adolescenti, di cui hanno analizzato le condizioni psicologiche in rapporto alle ore di sonno.

    Coloro che dedicavano solo cinque o sei ore al sonno, invece delle otto ore che occorrono ogni notte, correvano un rischio nettamente superiore di diventare depressi o di concepire pensieri improntati all’autolesionismo.

    Immagine tratta da: sconfini.eu

    318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereDepressioneMentePrevenzionePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI