Depressione: altera la vista

Depressione: altera la vista

La depressione fa vedere tutto nero? Sì e non si tratta di un modo dire: nei soggeti colpiti dal "male di vivere" si registra una minore attività del nervo ottico e una vista alterata, quindi

da in Depressione, Malattie, News Salute, Psicologia, Ricerca Medica, Vista
Ultimo aggiornamento:

    La depressione fa vedere nero

    Chi soffre di depressione vede tutto nero: non si tratta di una metafora, per lo meno non soltanto. Un recente studio scientifico, infatti, ha rilevato come i disturbi del tono dell’umore possano alterare anche la vista di chi ne è colpito.

    Lo studio in questione è stato condotto da ricercatori tedeschi dell’Università di Friburgo: hanno coinvolto 80 persone, 40 sane e 40 con depressione. A ciascun soggetto è stato posizionato un particolare elettrodo nell’occhio, necessario per misurare l’attività del nervo ottico, responsabile della trasmissione dei segnali visivi al cervello. Quindi i soggetti sono stati invitati a sedersi in una stanza poco illuminata nella quale doveva osservare uno schermo a scacchi bianchi e neri che diventavano, però, gradualmente sempre più grigi, mescolandosi di fatto tra loro.

    Lo studio ha permesso di scoprire che nei soggetti depressi i segnali elettrici del nervo ottico hanno una minore intensità e in particolare diminuisce la capacità di captare i contrasti: infatti nell’attività di osservazione di un quadrato bianco e uno nero ben definiti, le persone sane avevano un’attività del nervo ottico 3 volte superiore a quella dei soggetti malati.

    Non solo: più è grave la forma di depressione, tanto maggiore è la ridotta attività del nervo ottico e quindi l’alterazione della vista.

    Quale potrebbe essere la spiegazione del fenomeno? Secondo gli studiosi, i neurotrasmettitori che regolano l’attività nervosa dell’occhio sono collegati alle diverse emozioni che un individuo può provare e questo potrebbe spiegare il collegamento tra depressione e alterazione della vista. Gli autori dello studio credono che la tecnica di studio da loro utilizzata possa diventare uno strumento per la diagnosi clinica della depressione.

    331

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DepressioneMalattieNews SalutePsicologiaRicerca MedicaVista
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI