Denti gialli: cause e rimedi per sbiancarli

I denti gialli non sono un grave problema della salute, ma rappresentano un inestetismo del sorriso e, dunque, possono essere fonte di stress psicologico per chi ne soffre. È importante comprendere le cause di questo disturbo, così da fare prevenzione. Quali sono i rimedi per sbiancarli? Scopriamo di più sulla cura dei denti.

da , il

    Denti gialli

    Soffrite di denti gialli? Quali sono le cause e i rimedi per sbiancarli? I denti gialli sono motivo di imbarazzo e di disagio nelle relazioni interpersonali, per cui si tratta di una condizione non grave per la salute ma, sicuramente, fonte di stress psicologico per chi ne soffre. I denti bianchi valorizzano l’aspetto esteriore di una persona e un bel sorriso è una delle prime cose che saltano agli occhi, quando si parla con qualcuno. Da cosa dipende avere i denti gialli? Come sbiancarli? Scopriamo di più sulla cura dei denti.

    Cosa sono

    I denti gialli e macchiati possono causare forte disagio e imbarazzo, nel rapporto con gli altri: si tratta, infatti, di una condizione in cui i denti presentano un colore giallo caratteristico, rendendo sgradevole sia l’armonia del sorriso che, ovviamente, la sua estetica e l’immagine generale di chi ne soffre. È per questa ragione che i denti gialli possono essere fonte di stress psicologico, pur non rappresentando un disturbo grave della salute.

    I denti bianchi sono sinonimo di denti sani e valorizzano l’aspetto della persona, regalando anche un senso di pulizia e di ordine che con i denti gialli e opachi viene a mancare: in quest’ultimo caso, anzi, si ha spesso l’idea di una scarsa igiene orale e di sporco, sebbene ciò non sia sempre vero e le cause possano essere altre.

    I denti gialli non sono, quindi, una malattia o un sintomo ma, semplicemente, un inestetismo.

    Le cause

    Quali sono le cause dei denti gialli? Perché questi si presentano? Da cosa dipende questa condizione? Scopriamo alcuni dei fattori di rischio e delle cause legate ai denti gialli:

    • Scarsa igiene orale;
    • Fumo e masticare tabacco;
    • Depositi di placca e tartaro;
    • Carie;
    • Alcuni tipi di alimenti in grado di macchiare;
    • Invecchiamento.

    L’ingiallimento dei denti non è sempre sinonimo di una scarsa igiene orale e le sue cause non sono sempre facilmente individuabili: anche con una attenta pulizia del cavo orale, infatti, possono comparire delle macchie gialle sui denti e ciò, ad esempio, per i pigmenti contenuti in alcuni alimenti – come il caffè, il tè, il cioccolato, la liquirizia, il vino o alcune bibite colorate – che sono in grado di fissarsi negli strati superficiali dello smalto o, nei casi più avanzati, di spingersi in profondità fino alla dentina.

    Allo stesso modo, anche il tabacco da masticare o il fumo possono essere la causa dell’ingiallimento della superficie dei denti.

    L’ingiallimento può essere conseguenza anche dei depositi di tartaro e placca, così come della carie: queste circostanze sono, ovviamente, favorite da una scorretta igiene orale e possono condurre anche alla caduta dei denti.

    L’avanzamento dell’età può, inoltre, condurre ad un’alterazione cromatica dei denti, che va dal giallo pallido al marroncino.

    La diagnosi

    Alla comparsa dei primi segni di denti gialli, è consigliabile rivolgersi al proprio dentista, il quale esaminerà la situazione generale e stabilirà la diagnosi, così come il trattamento più adeguato al caso specifico e alla causa del problema: i denti gialli non fanno, infatti, la loro comparsa all’improvviso, ma c’è sempre un motivo per la loro comparsa.

    I rimedi per sbiancarli

    Esistono alcuni rimedi naturali contro i denti gialli da poter utilizzare per risolvere o ostacolare la colorazione gialla. Come sbiancarli, quindi? Madre natura viene, ancora una volta, in soccorso per la risoluzione del problema. Vediamo cosa poter usare:

    • Bicarbonato di sodio: questo è ottimo da strofinare, delicatamente, sui denti, ma va utilizzato con moderazione per non danneggiare lo smalto dei denti e favorire, paradossalmente, la formazione di macchie, carie, ipersensibilità dentale, pulpite e sanguinamento gengivale;
    • Limone: è possibile fare dei gargarismi con il succo di limone o sfregare la sua buccia sui denti per rimuovere le macchie gialle, ma anch’esso va utilizzato con moderazione perché può arrecare danni allo smalto per la sua acidità;
    • Salvia: potete strofinare una foglia di salvia fresca sui denti per contrastare i denti gialli;
    • Acido malico: questo può essere ricavato dalla polpa di mele e fragole e può essere applicato sui denti per sbiancarli.

    Quando, così facendo, la situazione pare non risolversi, non resta che procedere con lo sbiancamento chimico dei denti. Le alternative sono:

    • Sbiancamento professionale dei denti con il laser;
    • Bleaching professionale con il perossido di idrogeno al 35-38 per cento;
    • Applicazione di mascherine in silicone morbido con perossido di carbamide;
    • Penna sbiancante per denti.

    Naturalmente, in gravidanza o durante l’allattamento, chiedete consiglio al vostro medico prima di procedere con qualunque metodo.

    La prevenzione

    Come spesso accade, anche in questo caso, la prevenzione è di fondamentale importanza. Come agire, quindi? Vediamo alcuni dei comportamenti da avere per non incorrere nei denti gialli:

    • Lavarsi i denti dopo i pasti e almeno tre volte al giorno, lasciando trascorrere mezz’ora circa per evitare che la frizione meccanica e gli acidi insieme possano intaccare lo smalto;
    • Evitare di fumare e di masticare tabacco;
    • Effettuare pulizie professionali e visite periodiche dal dentista, almeno una volta l’anno;
    • Evitare gli alimenti che possono macchiare i denti, come il caffè, il tè, il cioccolato, la liquirizia, il vino o alcune bibite colorate.

    La prognosi

    Infine, la prognosi dipenderà da fattori quali la tempestività di intervento, la causa scatenante, l’età e lo stato di salute del paziente.