Denti: belli e sani grazie al mirtillo

Denti: belli e sani grazie al mirtillo

I denti, la prima parte del nostro corpo che si vede, possono essere protetti dalla carie e quindi dall’attacco dei batteri che di solito si annidano nella placca, dal mirtillo

da in Alimentazione, Batteri, Carie, Cura dei Denti, In Evidenza, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    denti sani mirtillo

    I denti, la parte in prima linea dell’organismo, possono essere più sani e belli grazie al mirtillo rosso. Questo frutto ha la capacità di proteggere i denti, secondo uno studio eseguito da studiosi University of Rochester Medical Center (Usa), guidati dal dottor Hyun (Michel) Koo, dentista e microbiologo. La ricerca, pubblicata su Caries Research, ha evidenziato come il mirtillo rosso abbia la capacità di prevenire la carie proteggendo dalla placca. Questo perché?

    Sostanze contenute nel frutto, le proantocianidine di tipo A, riescono a contrastare gli enzimi glucosiltransferasi, la cui attività è utile ai batteri per produrre i glucani (molecole contenute nella placca). Infatti, i batteri producono la placca, si annidano al suo interno, e da qui rilasciano delle sostanze (acidi) che corrodono lo smalto: questa è l’azione dei patogeni che provocherà poi la carie. Lo studio è stato condotto sui topi, sottolineando che la carie, una tra le patologie più diffuse al mondo, anche per l’alimentazione poco controllata.

    Alla fine dello studio, i dati hanno sottolineato l’azione importante del mirtillo rosso, infatti, grazie al frutto è emerso che la produzione di acido e di glucani è stato ridotto di circa il 70%, e la carie del 45%. Questa azione del mirtillo si deve all’inibizione che le sostanze contenute in esso hanno sui batteri, rendendoli più vulnerabili, e obbligandoli a non potersi insidiare nella placca.

    Infatti questi ultimi non vengono uccisi, ma inibiti da un punto di vista di formazione dei glucani e degli acidi.

    310

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBatteriCarieCura dei DentiIn EvidenzaMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI