NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Decotto di carciofo: proprietà, benefici e la ricetta

Decotto di carciofo: proprietà, benefici e la ricetta
da in Tisane
Ultimo aggiornamento:

    decotto carciofo

    Il decotto al carciofo è una ricetta per preparare una bevanda ricca di proprietà terapeutiche e benefici per tutto l’organismo. Il carciofo, considerato da molti un ortaggio, è in realtà un’erba officinale dalle origini antichissime: pare che il popolo Egizio ne facesse un largo consumo e tra gli antichi Greci e Romani era ben noto per le sue proprietà curative e disintossicanti, specialmente nei confronti del fegato.

    Il carciofo, come detto in precedenza, è una pianta officinale di origine mediterranea.
    In Italia le coltivazioni più produttive le troviamo in Liguria, Toscana, Sardegna, Lazio e Puglia, e grazie a queste coltivazioni, l’Italia è il maggior produttore ed esportatore su scala mondiale del carciofo.
    Il carciofo deve le sue eccezionali proprietà alla cinarina, una sostanza presente in esso che conferisce un sapore amaro ed è la diretta responsabile delle sue proprietà terapeutiche e curative.
    Il carciofo è composto per l’85% di acqua, per il 6% di fibre e il 3% di proteine, nel resto troviamo in piccole quantità zuccheri, grassi e ceneri.
    Nel carciofo troviamo un’elevata quantità di sali minerali indispensabili come un’elevata quantità di potassio e in minor quantità calcio, sodio, fosforo, ferro, magnesio, zinco, rame, manganese e selenio.
    Inoltre troviamo vitamine importanti come la vitamina A, le vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6, B12), vitamina C, vitamina E, K e J e flavonoidi come il beta-carotene.
    Grazie alla presenza dei flavonoidi, il carciofo è ricchissimo di antiossidanti come l’acido clorogenico, in grado di prevenire l’insorgere di patologie legate alle arterie e cardiovascolari.
    Ma non solo, gli antiossidanti bloccano la proliferazione dei radicali liberi, i diretti responsabili dell’invecchiamento cellulare e la formazione di cellule tumorali.
    Da recenti studi condotti dal Dipartimento dell’Agricoltura Statunitense, il carciofo è uno degli alimenti che contiene più antiossidanti in assoluto: su oltre mille vegetali esaminati, il carciofo si piazza al settimo posto.
    Le proprietà antiossidanti del carciofo derivano anche dai polifenoli, dai flavonoidi e dalle vitamine A, C ed E.
    E’ stato dimostrato come un consumo quotidiano di alimenti con un alto tasso di flavonoidi prevenga la formazione di tumori al seno.
    Ma il carciofo è famoso nel campo fitoterapico per l’azione che esercita a favore del fegato: la cinarina, presente anche nelle foglie, aiuta il fegato a guarire da patologie gravi come epatiti, cirrosi epatica ed ittero, ma si rivela utile anche in caso di avvelenamento da farmaci o intossicazione da alimenti.
    I principi attivi della ciranina vengono dispersi durante la cottura, ed è per questo che il carciofo è meglio consumarlo a crudo.
    Ma il carciofo è ben conosciuto anche per le sue proprietà digestive e diuretiche.
    Un infuso a base di carciofo, dopo ogni pasto, favorisce la digestione e stimola la diuresi.
    Sempre grazie agli acidi presenti in esso, il carciofo è in grado di abbassare notevolmente il livello di colesterolo cattivo (LDL) nel sangue.
    Riducendo il colesterolo cattivo, si protegge l’organismo da malattie come l’ipertensione, l’arterosclerosi, infarti e ictus.
    Il potassio presente nel carciofo, aiuta ad abbassare la pressione sanguigna.
    Questo perchè stimola l’organismo a rendere inoffensivo il sodio in eccesso, che causa l’innalzamento della pressione del sangue.

    Un’altra utile proprietà del carciofo la esercita sui soggetti che soffrono di diabete.
    Il carciofo abbassa e regolarizza i livelli di zucchero nel sangue, contrastando gli effetti negativi del diabete.
    La vitamina K, presente in quantità elevata in questo meraviglioso ortaggio, protegge la salute del cervello dalla degenerazione delle cellule cerebrali e danni neuronali.
    Recenti studi dimostrano come il carciofo si riveli utile nella prevenzione dell’Alzheimer e la demenza senile.
    Sempre grazie alla vitamina K, il carciofo ha un ruolo importantissimo nella prevenzione di malattie osteoarticolari e nella salvaguardia della salute di ossa, articolazioni e cartilagini.
    Una piccola attenzione: se ne sconsiglia il consumo durante l’allattamento, in quanto le sostanze presenti nel carciofo potrebbero inibire sensibilmente la produzione di latte.
    Non tutti sanno che anche le foglie del carciofo vengono utilizzate per infusi, tisane o decotti.
    Pare che le proprietà presenti nelle foglie siano in grado di impedire la formazione della leucemia.
    Da non sottovalutare le proprietà diuretiche e disintossicanti del carciofo: assumere quotidianamente un infuso a base di carciofo significa aiutare l’organismo ad espellere le tossine e le scorie accumulate durante la giornata, attraverso l’alimentazione, l’inquinamento e lo stress psico-fisico.
    Inoltre, il carciofo aiuta ad espellere i liquidi in eccesso, combattendo la ritenzione idrica che causa la tanto odiata cellulite.

    Ingredienti: per 1 lt

    6-8 foglie di carciofo fresche e giovani

    Preparazione

    1. In una pentola grande, versate 1 litro di acqua e successicamente le foglie di carciofo.
    2. Fate bollire il tutto per almeno 60 minuti, ripristinando l’acqua quando evapora.
    3. Fate raffreddare e conservate il decotto in frigorifero in una bottiglia di vetro.

    Non consumate più di 3 tazze al giorno di decotto.
    Se state affrontando una dieta detossinante, consumatene 2 tazze al giorno per 1 settimana.
    In caso di intossicazione da farmaci, consumarne 1 tazza fino alla scomparsa dei sintomi.
    Per contrastare la ritenzione idrica, consumatene 2 tazze al giorno.
    In caso, di cattiva digestione, consumarne 1 tazza all’occasione.

    915

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Tisane
    PIÙ POPOLARI