Da oggi si può combattere l’insonnia anche in palestra

L'insonnia e i disturbi del sonno influiscono negativamente sul benessere e sulla salute

da , il

    insonnia attivita fisica

    L’insonnia e i disturbi del sonno colpiscono circa il 40% della popolazione e hanno conseguenze rilevanti sulla vita di tutti i giorni, sulla salute e l’umore. In genere i disturbi si manifestano con una difficoltà ad addormentarsi, un sonno agitato o frammentato durante la notte o con risvegli troppo presto al mattino.

    La mancanza cronica di riposo, oltre a interferire con l’accrescimento e a ridurre le difese immunitarie, ha effetti negativi sulla concentrazione e sulla memoria, nonché sulla capacità di decisione e sull’efficienza. Ansia, irritabilità, nervosismo e stanchezza sono tra gli effetti più comuni causati da un deficit di sonno.

    Per avere un buon sonno è quindi importante conoscere e seguire un’adeguata igiene del sonno, andare a dormire a orari regolari, cercare di ridurre lo stress e tenere lontano dalla camera da letto le attività lavorative.

    Inoltre gli esperti raccomandano l’attività fisica come utile alleato per superare i disturbi del sonno. Secondo quanto descritto in una recente ricerca pubblicata sulla rivista Journal of Clinical Sleep Medicine, sembra infatti che l’esercizio fisico svolga un importante ruolo per combattere l’insonnia, ma bisognerebbe svolgerlo regolarmente e con costanza per almeno quattro mesi per poter avere gli effetti desiderati e positivi sul sonno.

    Dedicare infatti un’ora alla palestra per fare gli esercizi su un tappetino o correre ha effetti positivi sul sonno, anche se nell’immediato potrebbe portare a sentirsi esausti e ad abbandonare l’attività sportiva. Ma non bisogna demordere. Vi ringrazieranno anche il vostro fisico e il vostro umore.

    Contenuto di informazione pubblicitaria