Cure termali: chi paga e chi no il ticket

Cure termali: chi paga e chi no il ticket
da in Benessere, Cure Termali, Ministero della Salute, Primo Piano, Sanità
Ultimo aggiornamento:

    Cure termali

    Non ci sono regioni ove si paga il ticket per le cure termali e regioni ove questa partecipazione dell’assistito non sia contemplata; ciò in quanto a regolamentare la materia interviene una normativa emanata a livello nazionale e dunque recepita dai residenti che dovranno regolarsi nel modo seguente:

    I limiti per l’intervento di spesa da parte del paziente riguardano l’eventuale presenza di patologie di cui lo stesso soffra, come previsto dal disposto del Ministero della Salute, in pratica è richiesto da parte del paziente il ticket di 50 euro per ogni cura termale a meno che non sussistano le eccezioni di seguito elencate.

    Le eccezioni

    Non pagano il ticket nella misura su riportata i pazienti che godono di esenzione totale, sia per malattie gravi o invalidità al 100% oppure per esenzioni per reddito, si pensi a quei pensionati a reddito basso o agli affetti da gravi malattie neoplastiche.

    Un altro importante capitolo in fatto di esenzione riguarda i bambini, questi fino a 6 anni d’età, ma la stessa cosa accadrà a pazienti che abbiano superato i 65 anni di età, pagano un contributo ridotto a 3,10 euro.

    Ciò si verifica però, allorquando il reddito complessivo di tutto l’intero nucleo familiare in cui risiedano questi soggetti non oltrepassi il limite dei 36.000 annui.

    264

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCure TermaliMinistero della SalutePrimo PianoSanità
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI