Cure mediche con l’acqua di Lourdes e Fatima: denunciate 39 persone

L’acqua, dei santuari mariani più importanti, è stata la protagonista di un blitz condotto dai Nas dei carabinieri che hanno denunciato 39 indagati che la usavano promettendo guarigioni miracolose

da , il

    cure mediche acqua lourdes fatima

    I carabinieri di alcune città italiane hanno denunciato 39 persone, indagate per truffa e lesioni con promesse di cure mediche e false speranze utilizzando acqua di Lourdes e di Fatima. Il raggiro veniva effettuato da un team con a capo una biologa professionista, con lo studio nel capoluogo marchigiano, e con referenti in altre città italiane. Il gruppo di truffatori è riuscito ad estendere “la falsa professione” in quattro regioni grazie a presentazioni e pubblicità messe sul web.

    Le persone cadevano nella trappola in quanto, gli indagati, nel sito web, si spacciavano per biologi e fisici, puntando sulla disperazione per i loro problemi di salute. I malati una volta messi in contatto con i falsi studiosi venivano reclutati per far parte di una cerchia di “adepti” e seguire dei corsi di medicina alternativa. Durante questi appuntamenti, sempre sotto compenso, gli indagati somministravano ai malati acque provenienti dalle fonti di due principali santuari mariani (Fatima e Lourdes), e di quelli di Medjugorie, San Damiano, e Montichiari, sottolineando come grazie a queste, disturbi e patologie, anche gravi, potessero svanire . Oltre a ciò convincevano le persone a smettere di seguire le specifiche terapie farmacologiche aumentando anche il rischio di peggioramento delle patologie.

    Il gruppo della “dottoressa” oltre alla truffa economica si è macchiato di lesioni personali spacciandosi per professionisti della medicina, sfruttando la disperazione delle persone data dai loro problemi di salute, e proprio per questo motivo pronti a tutto pur di poterli risolvere. Inoltre hanno utilizzato il nome e l’importanza di luoghi sacri per i loro loschi piani. Grazie al blitz condotto dai Nas, chiamato “Acque bianche”, sono state denunciate tutte e 39 le persone implicate in questa grossa truffa estesa in quattro delle città più conosciute come Ancona, Bari, Milano e Venezia. Purtroppo non bisogna credere ai falsi medici e a quelle persone che utilizzano religione, scienza, e superstizione, per “guarire”, oltretutto chiedendo dei soldi per questo.