Cuore: quello dei neonati si autorigenera

Secondo un team di ricercatori del del Southwestern Medical Center, negli Usa, il cuore dei neonati è capace di rigenerarsi da solo

da , il

    cuore dei neonanti

    Il cuore dei neonati è in grado di autorigenerarsi. La scoperta è assolutamente rivoluzionaria ed è l’esito di una ricerca condotta da un team di studiosi del Southwestern Medical Center, negli Usa e pubblicata su “Science”. Si tratta di una particolare predisposizione genetica, che appartiene a tutti i mammiferi appena nati. I ricercatori sono giunti a questa conclusione, dopo aver effettuato un test su topi neonati a cui è stato asportato un 15% del muscolo cardiaco.

    Subito dopo, infatti, i ricercatori hanno notato come la parte mancante fosse ricresciuta in maniera del tutto autonoma, riportando il cuore alla sua forma e alle sue funzioni di partenza.

    L’autore dello studio, Hesham Sadek, ha spiegato che:

    Questo è un passo importante nella nostra ricerca di una cura per le malattie cardiache, il killer numero uno nel mondo Occidentale. Abbiamo scoperto che il cuore dei mammiferi neonati può curarsi, e che semplicemente dimentica come farlo, quando si diventa vecchi. La sfida ora è trovare un modo per ricordare al cuore degli adulti come risolvere il problema.

    La notizia apre una nuova strada alla lotta contro la mortalità neonatale, dovuta a scompensi cardiaci, ma anche contro le patologie a carico del sistema cardiovascolare, che condizionano pesantemente la vita adulta, sebbene vengano spesso sottovalutate. Non è un caso, infatti, che l’ipertensione sia la prima causa di morte nel mondo.

    La rigenerazione, è una caratteristica che appartiene anche ad altri animali, come i pesci, che sono in grado di ripristinare le pinne e le branchie, o gli anfibi, capaci di rigenerare in modo autonomo la coda. Ora, la medicina deve fare un ulteriore passo avanti per scoprire una via d’accesso all’autorigenerazione cardiaca anche in età adulta.