Cuore: i danni causati dall’infarto potranno essere riparati grazie a nuove molecole

Cuore: i danni causati dall’infarto potranno essere riparati grazie a nuove molecole

Un gruppo di studiosi cinesi dell’Università di Shangai ha scoperto l’esistenza di tre molecole in grado di stimolare la trasformazione di cellule staminali in nuove cellule cardiache, creando nuovo tessuto

da in Cellule Staminali, Cuore, Malattie cardiovascolari, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    menschliches herz

    I danni subiti al cuore, dall’infarto o da altre patologie cardiache, potrebbero essere riparati grazie ad un gruppo di molecole. Queste ultime sono state scoperte dagli studiosi cinesi durante unmenschliches herz recente studio. Le molecole sarebbero in grado di stimolare la trasformazione di cellule staminali in cellule cardiache, in modo da ripristinare il tessuto cardiaco danneggiato.

    Lo studio è stato condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Shangai (Cina), guidati dal professor Tao P.Zhong, che hanno analizzato circa 4 mila composti, evidenziando, alla fine della ricerca tre molecole speciali. Le particolari attività di queste ultime sono state monitorate utilizzando come modello un pesce zebra (piccolo pesce con un patrimonio genetico molto simile a quello umano), attraverso il quale hanno potuto seguire la crescita del cuore all’interno di embrioni trasparenti.

    Le tre molecole scoperte, chiamate cardionogen-1, cardionogen-2 e cardionogen-3, promuoverebbero lo sviluppo di nuovo tessuto cardiaco.

    Grazie a questi composti i danni causati da patologie come l’infarto del miocardio o lo scompenso cardiaco potranno essere riparati, stimolando le cellule staminali a trasformarsi un nuove cellule cardiache. Gli studi dovranno continuare per verificare sull’uomo questi risultati e confermare l’efficacia delle tre molecole. Un importante scoperta che potrà aprire nuove strade per la cura e il trattamento di patologie gravi e diffuse come quelle a carico del cuore.

    284

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cellule StaminaliCuoreMalattie cardiovascolariNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI