Cuore e tecnologia: il sedile dell’auto ha l’ecg, per prevenire l’infarto

Cuore e tecnologia: il sedile dell’auto ha l’ecg, per prevenire l’infarto

L’auto davvero intelligente del futuro prossimo potrebbe essere dotata di un sedile in grado di monitorare il battito cardiaco, evidenziando possibili anomalie: un sedile Ecg

da in Cuore, Infarto, Malattie, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Sedile dell'automobile con ecg

    L’auto davvero intelligente e alleata della salute? Quella che sa prevedere e segnalare eventuali malesseri del guidatore. In particolare, gli ingegneri di una nota casa automobilistica hanno sviluppato un sedile Ecg, in grado di monitorare il battito cardiaco, evidenziando tempestivamente eventuali anomalie e anticipando la comparsa dell’infarto. L’obiettivo del team di esperti che ha lavorato a questo progetto ambizioso è quello di ridurre gli incidenti automobilistici causati dalla comparsa di un problema cardiaco, come l’infarto, durante la guida, grazie a un innovativo sistema di misurazione e monitoraggio dell’attività del muscolo cardiaco.

    I primi risultati sono incoraggianti e aprono buone prospettive per il futuro: il sedile Egc è in grado di misurare con successo il 95% dei battiti per ben il 98% del tempo, nonostante la sperimentazione per lo sviluppo del prodotto sia solo alle battute iniziali.

    Tutto merito di speciali sensori, collocati nel sedile, in grado di rilevare ogni piccolo sussulto o movimento del cuore e di evidenziarne ogni anomalia, per prevenire o, meglio prevedere, l’infarto.

    Il progetto, sviluppato dall’European Research Centre di Aachen, Germania, in collaborazione con il Rheinisch-Westfälische Technische Hochschule (RWTH), il centro di ricerche dell’Università di Aachen, ha permesso la realizzazione di un prototipo, che sfrutta una tecnologia Ecg, elettrocardiogramma, per tenere sotto controllo gli impulsi elettrici, riconoscere segnali di irregolarità e avvisare per tempo il guidatore.

    “Il sistema sarà in grado di diagnosticare problemi cardiovascolari, come ad esempio un infarto imminente, ma può anche verificare i sintomi di altre problematiche, come pressione sanguigna elevata o un’anomalia sull’equilibrio elettrolitico” ha sottolineato uno dei ricercatori.

    338

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuoreInfartoMalattieRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI