Creme solari: guai ad utilizzare quelle dell’anno precedente

Creme solari: guai ad utilizzare quelle dell’anno precedente

Secondo gli studi fatti le creme solari hanno un’efficacia che non supera i sette/ nove mesi massimo, se ben conservate dopo il primo utilizzo, ne deriva che non dovranno mai essere utilizzate creme residue dall’anno precedente

da in Associazioni Consumatori, Benessere, Creme solari, Estetica e Trattamenti, Primo Piano, raggi-UVA
Ultimo aggiornamento:

    Creme solari

    Risparmiare si deve, soprattutto in tempi di crisi, ma ciò non dovrà di certo andare a discapito della nostra salute, ne consegue che chi tenta di risparmiare con le creme solari utilizzate l’anno precedente per poi sperare di utilizzarle nell’anno in corso, arreca solamente un danno alla propria o altrui salute se li porge ad altri. Il motivo secondo il quale tali creme solari una volta aperte arrecano soltanto problemi e nessun particolare vantaggio è dovuto al fatto che dall’apertura e una volta conservati questi preparati hanno perso buona parte delle loro caratteristiche e dunque non proteggono e hanno perso tutta la capacità di filtrare i raggi solari.

    A dircelo è Altroconsumo che riprende i dati derivanti dai test effettuati sulle creme solari dell’anno scorso dai colleghi della rivista francese Que Choisir.

    Secondo gli studi fatti le creme solari hanno un’efficacia che non supera i sette/ nove mesi massimo, se ben conservate dopo il primo utilizzo, ne deriva che non dovranno mai essere utilizzate creme residue dall’anno precedente.

    Ecco i consigli che da Altroconsumo derivanti dal Test francese, per conservare al meglio le creme:

    • Chiudi sempre bene la crema.
    • Evita il contatto con la sabbia: pulisci le mani prima di prendere la crema, non appoggiarla nella sabbia.
    • Non lasciarla esposta al sole in spiaggia, né chiusa in auto al sole per ore.
    • Non travasarla in altri contenitori.

    • Non aggiungere acqua o altri ingredienti.
    • Evita le creme in barattoli o con una apertura grande, sono molto meglio i tubetti e contenitori con un piccolo foro o quelli sottovuoto, è più difficile che si contaminino.
    • Non utilizzare mai la crema oltre la data di scadenza.
    • Se la crema non è omogenea o ha un odore rancido non utilizzarla anche se non è ancora scaduta.
    Fonte:Altroconsumo

    351

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Associazioni ConsumatoriBenessereCreme solariEstetica e TrattamentiPrimo Pianoraggi-UVA
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI