Cottura della carne: marinata riduce il rischio cancro

Cuocere la carne con metodi alternativi alla frittura e alla brace riduce l'impatto delle sostanze cancerogene che questi due metodi di cottura tradizionali causano

da , il

    Crohn

    Durante la preparazione dei pasti a base di carne si può optare per un modo di cucinarla salutare, che serve per condirla, ammorbidirla e renderla più frollata: il procedimento chiamato marinatura, oltre che servire per renderla più buona al gusto serve per ridurre il rischio di cancro, che si sviluppa con altri tipi di cottura come ad esempio la frittura o la grigliata sulla fiamma.

    Durante la cottura della carne ad alte temperature, di pari passo, aumenta il richio di ammalarsi di cancro, oltre che perdere in generale dei punti da tutti i punti di vista, per quanto concerne la salute. La cottura della carne, ad alte temperature, alla brace, è pericolosa perché essa assimila

    La cottura a fritto invece (Lunario.it) causa lo sprigionarsi di acrelina, tossica e dannosa per le cellule dell’organismo, che nei grassi saturi o di origine animale si va ad aggiungere alle altre tossicità della natura del grasso animale stesso, mentre nei grassi insaturi e vegetali, più adatti al fritto,

    In definitiva per friggere sarebbe meglio scegliere olio dedicato, mentre in classifica si posizionano olio di oliva, olio di arachidi e di girasole. Male friggere con grassi di origine animale come burro o strutto. Dal punto di vista della usabilità invece la margarina rimane una scelta che ognuno deve valutare da sè, tenendo presente che non eccelle in nessun uso.

    Chiuso il discorso delle cotture alternative torniamo a ripetere, ora con cognizione di causa, che è meglio la marinatura in vino o birra, che consente di preparare piatti gustosi e sani; la ricerca è stata condotta dall’Università di Oporto, in Portogallo, grazie allo studio di Isabel Ferreira, dimostrando la riduzione del 90% dei componenti eteroclitci. Lo studio è stato pubblicato sul “Journal of Agricoltural and Food Chemistry”.

    Fonte AGI

    Foto da AUSL Cesena