Cos’è lo scroto e a cosa serve?

Cos’è lo scroto e a cosa serve?

Cos’è lo scroto e a cosa serve? Si tratta della pelle sottile che avvolge i testicoli

da in Apparato genitale, Salute Uomini
Ultimo aggiornamento:

    cos e lo scroto e a cosa serve

    Cos’è lo scroto e a cosa serve? Possiamo aver sentito questa parola, ma magari non ne sappiamo esattamente il significato. Si tratta di una sottile sacca di pelle molle che contiene due compartimenti, all’interno dei quali si trovano i testicoli. Si trova dietro il pene, tra le gambe. La sua funzione più importante è rappresentata dalla protezione dei testicoli. Il suo compito è fondamentale, perché i testicoli sono piuttosto sensibili al dolore e alla temperatura corporea. A seconda delle circostanze, cambia anche l’aspetto esterno dello scroto, che può essere raccolto, piccolo, secco oppure allungato e flaccido.

    Le malattie dello scroto

    La maggior parte delle patologie che interessano lo scroto possono essere individuate con la palpazione. Sono varie le malattie che possono interessare questa parte del corpo. Per esempio possiamo ricordare la torsione del funicolo spermatico. Insorge improvvisamente un dolore acuto, specialmente durante le ore notturne, e si deve intervenire subito con l’aiuto di uno specialista, perché, per evitare conseguenze gravi, è opportuno procedere subito con un intervento chirurgico. A volte il testicolo può andare incontro ad un’infezione, che comporta anche disturbi della minzione.

    Altre volte si può incorrere nell’idrocele, l’accumulo di liquido sieroso nelle strutture che ricoprono il testicolo. In questi casi il quadro sintomatologico è rappresentato dall’aumento volumetrico dello scroto stesso. Altre volte ancora il problema può essere costituito da una cisti, che spesso rimane asintomatica. Un’altra malattia è il varicocele: si hanno dilatazioni venose multiple e visibili del funicolo spermatico, che appare gonfio, con uno scroto grande; il tutto ha ripercussioni anche sulla fertilità. Non dimentichiamo l’ernia scrotale e, fra le patologie più gravi che interessano lo scroto, anche il tumore al testicolo.

    Epididimo e testicoli

    L’epididimo è posizionato nello scroto, dietro il testicolo. E’ costituito da un corpo centrale e da un’estremità superiore ingrossata. La parte inferiore è appuntita e proprio da qui passano gli spermatozoi, che vengono prodotti nei testicoli. Questi ultimi nell’infanzia presentano dimensioni molto ridotte e il tutto si protrae fino all’adolescenza, perché rimangono degli organi privi di funzioni riproduttive. Le sue dimensioni aumentano nell’età della pubertà, quando comincia ad essere secreto lo sperma. Mantenere una buona igiene dello scroto è fondamentale. Alcuni, a questo scopo, arrivano a depilarsi, ma coloro che non apprezzano questa linea estetica possono semplicemente limitarsi ad un accurato lavaggio con acqua e un buon prodotto detergente: l’igiene intima è fondamentale perché specialmente molti giovani sono a rischio infezioni.

    Cos’è il glande

    Anche il glande, come lo scroto, fa parte dell’apparato genitale maschile. Precisamente indica la parte che si trova all’estremità del pene. Risulta composta da corpi cavernosi. Il glande sormonta il corpo del pene e la circonferenza che ne sta alla base forma una sezione circolare che prende il nome di corona del glande. Quando il pene è a riposo, in chi non ha subito la circoncisione, il glande è ricoperto dal prepuzio, un lembo di pelle che ha la funzione di proteggere la pelle sensibile. Durante l’erezione, l’estensione del pene e l’aumento del volume del glande ne provocano la fuoriuscita dal prepuzio. Il lembo di pelle che unisce il glande al prepuzio si chiama frenulo ed è molto sottile.

    667

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato genitaleSalute Uomini
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI