Coppia: nelle liti meglio misurarsi

Coppia: nelle liti meglio misurarsi

Una recente ricerca ha dimostrato che essere ragionevoli nelle liti di coppia aiuta a limitare i rischi sulla salute provocati dalle citochine

da in Comportamento, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    coppia

    All’interno della coppia può capitare di trovarsi a litigare anche per motivi futili e spesso si finisce con il perdere le staffe. Ma lasciarsi andare alla rabbia quando si litiga con il proprio partner non fa bene alla salute. Ci espone soltanto a livelli di stress più elevati, che possono essere dannosi per il nostro benessere generale. Ciò che risulta invece fondamentale per portare avanti un comportamento salutare è invece cercare di misurarsi.

    Quando si affrontano le liti di coppia è opportuno mostrarsi ragionevoli piuttosto di voler avere ragione ad ogni costo. Abbandonandosi a reazioni non controllate si finisce per fare in modo che nel nostro organismo aumentino le citochine, delle proteine che di solito determinano un’adeguata risposta immunitaria alle infezioni, ma, se presenti in quantità eccessive, possono determinare diversi disturbi.

    Fra questi ricordiamo per esempio il diabete e lo scompenso cardiaco. Jennifer Graham e i colleghi della Pennsylvania State University sono riusciti a dimostrare gli effetti negativi delle citochine attraverso uno specifico esperimento, che ha coinvolto 40 coppie. Queste ultime si sono sottoposte a discussioni guidate.

    In alcune di queste occasione le coppie venivano invitate a parlare delle difficoltà che incontravano nell’ambito del loro rapporto.

    I ricercatori hanno potuto constatare che coloro che erano più ragionevoli nelle discussioni avevano livelli meno elevati di citochine con un certo beneficio sulla salute e con minori rischi di incorrere in pericoli connessi al benessere individuale. Il processo si sarebbe dimostrato essere uguale sia negli uomini che nelle donne.

    Immagine tratta da: crescereleggendo.wordpress.com

    307

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ComportamentoPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI