Coppia: le lacrime femminili spengono il desiderio maschile

Coppia: le lacrime femminili spengono il desiderio maschile

Donne dalla lacrima facile attenzione: secondo un recente studio, le lacrime femminili sarebbero un deterrente al desiderio sessuale maschile

da in Benessere, In Evidenza, Ricerca Medica, Testosterone
Ultimo aggiornamento:

    lacrime femminili desiderio maschile

    Uomini che si sciolgono di fronte al pianto di una donna oppure che scappano annoiati da una partner dalla lacrima facile? Secondo un recente studio scientifico, trova maggiori conferme la seconda opzione. Sembra, infatti, che per lui veder piangere lei sia un efficace “anti-viagra”, che porta il desiderio in picchiata libera.

    E dire che proprio qualche mese fa avevamo parlato di uno studio che analizzava la reazione femminile al pianto dell’uomo, risultata esattamente contraria: le lacrime di lui, infatti, sarebbero in grado di accendere la passione nella donna.

    Ma se l’uomo che si sa commuovere “attizza”, la donna con le lacrime agli occhi non è per nulla eccitante. I neuroscienziati del Weizmann Institute of Science di Rehovot (Israele) hanno, infatti, scoperto che nel pianto femminile sarebbe presente un odore impercettibile che risulterebbe in grado di rallentare la produzione del testosterone, “spegnendo” di fatto ogni desiderio nel partner.

    I ricercatori sono arrivati a questa conclusione chiedendo a sei ragazze di guardare un bel film romantico, quelli che inevitabilmente fanno sciogliere in pianto le spettatrici più sensibili, e raccogliere le lacrime, che avrebbero versato, in una provetta. Il pianto così raccolto è stato fatto annusare a ben 50 volontari uomini. Analizzando i valori di testosterone di questi soggetti prima e dopo il test, gli scienziati hanno riscontrato un calo ormonale ben del 13%.

    I ricercatori israeliani intendono, ora, studiare le lacrime degli uomini (e chissà se verrà confermato il precedente studio sul potere eccitante del pianto di lui) e anche quelle dei bambini, per scoprire se anch’esse possano “veicolare” dei messaggi specifici.

    341

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereIn EvidenzaRicerca MedicaTestosterone
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI