Colpire il gene giusto contro diabete e obesità

Colpire il gene giusto contro diabete e obesità

E’ stato smascherato il gene “leader” che dirige tutte le attività genetiche in tema di funzioni metaboliche: per contrastare obesità e diabete, è lui il bersaglio da colpire

da in Diabete, Dieta, DNA, Obesità, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Gene responsabile di diabete e obesità

    La lotta contro diabete e obesità potrebbe avere un’arma in più o, meglio, un bersaglio più preciso da colpire: si tratta di un gene “leader”, che comanda, regola e dirige tutta l’attività genetica legata all’indice di massa corporea, ai livelli di colesterolo nel sangue e alla produzione di insulina.

    Individuato l’attore protagonista del meccanismo deleterio o dei processi negativi all’origine delle pericolose condizioni patologiche di diabete e obesità, non resta che trovare il modo migliore per metterlo fuori gioco.

    Tutto, o quasi, dipende dall’azione di un gene, di un minuscolo tassello del corredo genetico, del dna, in grado di dare indicazioni preziose, di dare direttive e regole per quanto riguarda l’indice di massa corporea, il colesterolo e l’insulina. Ecco quanto è emerso nel corso di una sperimentazione d’oltremanica, condotta da un gruppo di ricerca internazionale, guidato da Tim Spector, scienziato del King’s College di Londra, in Gran Bretagna e pubblicata sulle pagine della prestigiosa rivista Nature Genetics.

    Un gene dal ruolo davvero determinante, nella “vita” di colesterolo, insulina & co., quello smascherato dagli esperti internazionali, grazie alla sperimentazione condotta su oltre 20 mila geni estratti dal grasso cutaneo di 800 gemelle inglesi e, in una seconda fase, di 600 soggetti islandesi.


    E’ proprio un gene, in particolare, il gene KLF14, a farla da padrone quando si tratta di diabete e obesità: come una sorta di “interruttore” dirige gli altri geni deputati al controllo delle funzioni metaboliche. ”Questo studio dimostra come le piccole variazioni di un ‘gene regolatore’ possano provocare una cascata di effetti metabolici ad opera degli altri geni”, ha evidenziato il coordinatore della ricerca.

    350

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DiabeteDietaDNAObesitàRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI