Consigli per l’ Abbronzatura

Consigli per l’ Abbronzatura

L'abbronzatura si conquista gradualmente, al contrario si rischia un'ustione da sole

da in Abbronzatura, Benessere, Tumori, Melanina
Ultimo aggiornamento:

    Una bella abbronzatura si conquista, non certo in un giorno

    Tempo di mare, tempo di tintarelle e cosa c’è di più bello di un corpo abbronzato e dai riflessi ambrati, magari, qua e là, inframmezzato dalla salsedine marina?

    Ma attenzione alla corsa all’abbronzatura a tutti i costi, la pelle può anche bruciarsi per un’eccessiva esposizione prolungata ai raggi solari, per la verità può anche capitare d’inverno con le lampade solari, ma con la bella stagione, il rischio di farci ammaliare dalla tintarella ad ogni costo è più frequente.

    Dunque, si all’abbronzatura, no all’ustione da sole, perché il rischio di non accorgersi che ci stiamo cocendo sotto i raggi solari è alto, occorrerà un minimo di precauzione e la consapevolezza che la bella abbronzatura non si conquista di certo in un giorno. La conseguenza della disattenzione o dell’impazienza, è l’ustione solare causata dall’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti, con danni alla pelle, a volte anche seri.

    L’abbronzatura, invece, è ben altra cosa e ha un effetto omogeneo su tutta la superficie della pelle e dipende dalla produzione di melanina che poi è quella che ci regala il bel colore ambrato. Anche l’abbronzatura non è uguale per tutti, molto dipende dal colore della pelle, la pelle scura è meno sensibile ai raggi ultravioletti rispetto a chi ce l’ha chiara e non solo, le mucose e le cartilagini sono più sensibili, così come anziani e bambini rispetto a persone giovani o adulte sono più delicati e, infine, il sole picchia di più fra le 11 e le 16,00.

    Sembrano tutte cose ovvie, eppure, a giudicare dagli interventi eseguiti da personale sanitario in soccorso di persone affette da ustioni solari ,di ovvio c’è ben poco e di incoscienza, tanta.

    I segni tipici dell’ustione solare, generalmente si evidenziano dopo qualche ora dall’eccessiva esposizione, con pelle arrossata e molto dolente al minimo contatto, se l’ustione è più grave compaiono bolle, in questo caso, non è escluso che il soggetto lamenti spossatezza, mal di testa, disidratazione. Generalmente la guarigione totale avviene in meno di una settimana.

    C’è da dire che l’ustione solare, se non è grave, si risolve spontaneamente senza lasciare particolari strascichi. Se il dolore è molto intenso, si accusa senso di malessere con capogiri, fino allo svenimento, recarsi immediatamente al Pronto Soccorso, il rischio di un colpo di calore, aggiunto all’ustione, non è da escludersi.

    Ma cosa fare quando l’ustione si sia conclamata?

    Al fine di provare sollievo è buona norma alleviare il dolore con acqua tiepida per poi passare a creme idratanti.

    Può anche essere utile una pomata al cortisone, tenendo presente che il cortisone per uso topico viene assorbito dalla pelle ed entra in circolo e di questo bisognerà tenerne conto. No, invece, all’utilizzo di antistaminici per uso topico, senza il parere del medico.

    Contro il dolore andrà bene un qualsiasi antinfiammatorio, meglio se di un tipo che già avete utilizzato per altri motivi e col quale provate sollievo. Sperimentare nuove molecole, durante un fatto acuto, col rischio che non agiscano al meglio non è mai consigliabile, per qualsiasi motivo, poiché si rischia di assumere quantità eccessive di farmaci con effetti negativi sulla salute.

    Al fine di limitare gli effetti della disidratazione bere molti liquidi; attenzione, mai alcolici, che oltretutto hanno anche un effetto vasodilatatore, si a bevande zuccherate, tenendo presente che, però, non alleviano la sete, no, assoluto, a bevande ghiacciate.

    A scopo preventivo, esporsi al sole in maniera graduale, dando al corpo la possibilità di produrre melanina ed inoltre, usare i filtri solari, su questi bisogna ricordare che più chiara è la pelle, più alto dovrà essere il fattore di protezione. In mancanza di questi fattori di protezione, l’esposizione, soprattutto nei primi giorni, non dovrà superare i pochi minuti, nelle ore di massima insolazione, ciò per evitare ustioni ed eritemi anche seri.

    Un’ultima raccomandazione, molti farmaci non vanno assunti se ci si espone ai raggi solari, alcuni di questi sono di uso comune e magari si assumono senza sapere che con l’esposizione al sole possono avere effetti collaterali, anche spiacevoli; se avete dubbi, parlatene al vostro medico di famiglia.

    711

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AbbronzaturaBenessereTumoriMelanina
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI