by

Coni vaginali: a cosa servono, quando usarli

Mercoledì 24/03/2010 da Giuliano in Infiammazioni, Malattie, News Salute

    coni vaginali

    Una sorta di rieducazione dei muscoli pelvici femminili a scopo puramente terapeutico con l’obiettivo di assolvere a diverse patologie o affezioni della donna, ad esempio, l’incotinenza urinaria, fecale, nel miglioramento anche del tono muscolare della vagina e, dunque, dei rapporti sessuali. Tutte situazioni queste messe a dura prova dal parto, dalla menopausa, dall’età etc; per far ciò da oltre un ventennio pensano i cosiddetti coni vaginali.

    Per tonificare tali muscoli pelvici si ricorre ad una sorta di ginnastica correttiva portata avanti proprio con i coni vaginali. Parliamo di strumenti che hanno ingombri paragonabili ai tamponi vaginali con un certo peso cresacente e costituiti da materiale plastico e nylon insieme, questo per facilitare l’espulsione una volta in vagina. Interessante, per la funzione che dovranno svolgere, è osservare che ognuno di questi coni è numerato e caratterizzato da un peso crescente da 20 a 70 grammi.

    Il ruolo di tali coni è quello di riabilitare i muscoli del perineo rinforzandoli con delle modalità semplici che allenano e rinforzano la parte muscolare nel volgere di qualche settimana sia a scopo preventivo per mitigare i disturbi di cui sopra, sia dopo interventi chirurgici della sfera sessuale.

    Quando il cono viene infilato in vagina i muscoli si contraggono per evitare che lo strumento scivoli in basso per effetto della gravità, proprio questo movimento ripetuto ogni qualvolta con un cono di peso diverso determina quell’esercizio ripetuto e costante che tonifica il muscolo. Ovvio pensare che il cono vaginale dovrà essere usato solo dalla persona interessata e mai prestato ad altre; tali esercizi possono essere compiuti per tutta la vita della persona anche a scopo preventivo.

    Le uniche controindicazioni ai coni vaginali riguardano la gravidanza, le mestruazioni, eventuali infezioni o infiammazioni vaginali che limitano l’utilizzo di tali strumenti.

    SCRITTO DA Giuliano PUBBLICATO IN InfiammazioniMalattieNews Salute Mercoledì 24/03/2010