NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Conformismo: questione di neuroni

Conformismo: questione di neuroni
da in Cervello, Neurologia, Neuroni, News Salute, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    conformismo

    Il comportamento sociale che definiamo conformismo è senza dubbio un modo per identificarci nel gruppo e per trovare nelle azioni degli altri degli spunti positivi da poter riutilizzare senza problemi nelle nostre interazioni in società. E’ un comportamento che l’uomo adotta sin dai tempi più remoti, fin da quando, nelle tribù primitive, avere un comportamento “diverso” da quello degli altri poteva portare ad essere esclusi dal gruppo sociale. In fondo si tratta di qualcosa che ha una radice molto profonda nella storia dell’umanità, che non può essere considerata staccata dal contesto sociale.

    Quello che non si era ancora riuscito a scoprire era un sicuro ma non ancora ben chiaro collegamento con la sfera neurologica. Trovare le basi del meccanismo che porta a farci cambiare idea pur di identificarci nelle idee della maggioranza dei nostri simili è stata sempre un’impresa quasi impossibile, almeno fino alla recente ricerca pubblicata qualche giorno fa sulla rivista Neuron.

    Vasily Klucharev, dell’F.C. Donders Center for Cognitive Neuroimaging, e il suo gruppo di lavoro sono riusciti ad analizzare l’attività cerebrale, in particolare quella relativa alle zone del rostro del cingolato (RCZ) e del nucleus accumbens (NAc), attraverso una risonanza magnetica effettuata a dei volontari particolarmente inclini ad un comportamento di tipo conformista che si sono prestati per le attività di ricerca.

    L’ipotesi dei ricercatori di trovare un collegamento di questo tipo si basa sull’idea che l’essere in disaccordo con altri soggetti possa influire in modo negativo sulla nostra mente, facendo scattare una sorta di meccanismo di difesa derivante dalla paura di commettere degli errori se le nostre idee non sono uguali o simili a quelle della maggioranza. E la paura di essere sottomessi nel gruppo sociale, si sa, è qualcosa di ben definito e forte nella nostra mente più o meno cosciente.

    Klucharev ha dichiarato:

    “Questo studio spiega perché spesso allineiamo automaticamente le nostre opinioni con quelle della maggioranza.

    I nostri risultati mostrano anche che il conformismo sociale è basato su meccanismi che sono in accordo con l’apprendimento per rinforzo e che questo meccanismo è collegato all’attività neuronale di ‘monitoraggio degli errori’ che segnala ciò che rappresenta probabilmente l’errore sociale fondamentale: l’essere troppo differenti dagli altri”.

    Lo studio ha infatti messo in evidenza il fatto che essere in contrasto di opinioni con gli altri faccia aumentare di pari passo la possibilità di cambiare idea e di conformarsi alla massa, in accordo a ciò che era stato ipotizzato dai ricercatori, e questo processo ha una risposta molto evidente (quasi uguale a quelle che si verificano quando si avverte la possibilità di star sbagliando) nelle due zone del cervello prese ad esame.

    519

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNeurologiaNeuroniNews SalutePsicologiaRicerca Medica
    PIÙ POPOLARI