Comportamento: spendiamo di più per non perdere

Quando partecipiamo a delle aste, tendiamo a fare offerte molto più alte rispetto al valore reale dei beni, perché siamo spinti dalla paura di perdere

da , il

    comportamento

    Il comportamento umano assume caratteristiche particolari quando gli individui si trovano ad agire nell’ambito delle aste. In queste situazioni di solito le persone tendono a fare delle offerte superiori rispetto a quello che il valore reale degli oggetti che vengono venduti. Le ragioni di questo comportamento sono state spiegate da alcuni economisti e neuropsichiatri dell’università di New York.

    Nello studio pubblicato su “Science” viene chiarito che a far scattare il meccanismo di spendere di più rispetto alla reale necessità è la paura di perdere. Utilizzando la risonanza magnetica funzionale è stata esaminata l’attività cerebrale di alcuni soggetti che partecipavano ad un’asta e ad una lotteria.

    In tutti e due i casi si aveva la possibilità di vincere del denaro, ma in particolare nell’asta si poteva vincere se si faceva un’offerta più alta. Quando gli individui perdevano all’asta, nel loro cervello si attivava l’area dello striato. Più i soggetti perdevano più tendevano ad alzare l’entità dell’offerta.

    Gli scienziati hanno poi svolto altri esperimenti, dando la possibilità di giocare all’asta ai soggetti divisi in tre gruppi. Il primo era il gruppo di controllo, che poteva condurre le offerte in piena libertà. Il secondo gruppo avrebbe ricevuto un bonus di 15 dollari nel caso avesse vinto; il terzo gruppo invece riceveva 15 dollari prima del’asta e avrebbe dovuto restituire il denaro se avesse perso.

    Coloro che appartenevano al terzo gruppo, per non perdere il bonus di 15 dollari che avevano ricevuto, facevano offerte molto più alte di coloro che facevano parte dei primi due gruppi.

    Immagine tratta da: www.icqglobal.com