Comportamento: l’autocontrollo si impara

L'autocontrollo può essere imparato osservando il modo di comportarsi degli altri in un'ottica di apprendimento condizionato

da , il

    comportamento

    Non tutti sono in grado di avere un comportamento improntato all’autocontrollo. C’è chi di fronte ad una situazione in cui sono richiesti pazienza e sangue freddo tende a non rimanere calmo e a non controllarsi, esplodendo in reazioni anche aggressive. Ma non tutto è rapportabile ad una semplice questione di caratteristiche innate e di temperamento.

    Un ruolo fondamentale è svolto anche dall’apprendimento. In maniera particolare per quanto riguarda l’autocontrollo svolge una funzione specifica l’osservazione degli altri. Gli atteggiamenti messi in atto dagli altri infatti si possono rivelare fondamentali nell’imparare a restare calmi. È quanto è emerso da una ricerca condotta presso l’Università della Georgia.

    Lo studio ha preso in considerazione diversi volontari, che si sono cimentati nello svolgimento di differenti compiti. Si è capito che, quando i soggetti avevano modo di osservare su un monitor la foto di una persona dotata di autocontrollo, riuscivano ad eseguire con più calma le funzioni che erano state loro assegnate.

    Michelle vanDellel, autrice della ricerca, ha concluso che le azioni compiute da coloro che stanno intorno a noi influenzano in maniera decisiva le nostre scelte e i nostri comportamenti. Non era raro per esempio che i soggetti scegliessero di mangiare carote in alternativa ai dolci, quando altri individui compivano la stessa scelta.

    Un fenomeno di vero e proprio condizionamento che vale in maniera specifica per imparare a mantenere il controllo di se stessi in ogni situazione, anche nelle più critiche e nelle più difficili da affrontare. Basta osservare ed imitare e il gioco è fatto.

    Immagine tratta da: soldiefamiglia.it