Comportamento: ballare insieme per essere leali

Comportamento: ballare insieme per essere leali

Da una ricerca americana è emerso che eseguire un’attività in sincrono come ballare o cantare insieme induce ad essere più leali e cooperativi

da in Benessere, Cervello, Comportamento, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    comportamento

    Il nostro comportamento, le azioni che facciamo, le attività alle quali ci dedichiamo sono in grado di influenzare il nostro modo di rapportarci agli altri. Una ricerca condotta presso la Stanford University in California è riuscita a dimostrare che eseguire movimenti in sincrono come marce o danze o cantare insieme induce gli individui ad essere più leali e a rispettare in maniera più scrupolosa le regole del gruppo di cui fanno parte.

    Sono stati presi in considerazione 96 volontari divisi in quattro gruppi, ad ognuno dei quali è stato assegnato un particolare compito. Alcuni dovevano ascoltare l’inno del Canada e dovevano limitarsi a cantarlo a voce bassa, altri dovevano cantare tutti insieme, altri avevano il compito di cantare e ballare assieme e altri ancora dovevano ascoltarne in cuffia differenti versioni e quindi si ritrovavano a cantare e a ballare in modo diverso l’uno dall’altro.

    In un secondo momento i soggetti hanno risposto ad un questionario e hanno poi partecipato ad un gioco di gruppo, per riuscire a comprendere le loro aspettative di cooperazione. Si è potuto così appurare che gli individui che avevano ballato o cantato in modo sincrono erano quelli in grado di cooperare di più e di fidarsi di più dei loro compagni.

    Svolgere delle attività insieme in maniera sincronizzata quindi ha un grande potere: l’effetto di promuovere la lealtà, la collaborazione e la fiducia reciproca.

    Le attività eseguite all’unisono producono nella nostra mente l’effetto di farci sentire parti di un grande insieme e quindi ci porta ad assumere un comportamento cooperativo, che ha il fine di contribuire al benessere collettivo.

    Immagine tratta da: www.salsaviva.it

    329

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloComportamentoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI