Come si trasmette la varicella: consigli per prevenire il contagio

Come si trasmette la varicella? Vediamo alcuni consigli per prevenire il contagio di questa infezione molto contagiosa sia per gli adulti che per i bambini.

da , il

    Come si trasmette la varicella? Vediamo alcuni consigli per prevenire il contagio. Questa malattia esantematica rappresenta una delle infezioni più comuni che colpiscono sia gli adulti che i bambini. In particolare fra i più piccoli è una malattia piuttosto comune. Si manifesta con delle macchie pruriginose, che somigliano a delle vescicole ed è accompagnata da sintomi molto simili a quelli di un’influenza. La varicella è causata dal virus varicella-zoster. Quest’ultimo può rimanere anche inerte all’interno del corpo e causare, in un secondo momento della vita, l’herpes zoster. La varicella è una malattia molto contagiosa, per cui è bene adottare alcune precauzioni per evitarne la trasmissione.

    Come si trasmette

    La varicella si trasmette per via aerea sia nella fase in cui ancora non si sono manifestati i sintomi, sia durante la fase acuta. Le vescicole, uno dei segni da riconoscere per capire che si tratta di varicella, sono contagiose fino a 5-6 giorni dopo l’inizio dell’esantema. Il periodo di incubazione è pari ad un numero di giorni compreso fra 10 e 20. Il virus viaggia nell’aria attraverso le goccioline di saliva, gli starnuti e i colpi di tosse. Nelle donne in gravidanza l’infezione può trasmettersi attraverso la placenta e contagiare il feto.

    Il vaccino

    Il vaccino contro la varicella è efficace dal 70% all’85% dei casi per la prevenzione di un’infezione lieve e in più del 95% per prevenire le forme più pesanti. A volte alcuni soggetti che hanno fatto il vaccino possono contrarre lo stesso la malattia, ma i sintomi sono meno gravi. I medici raccomandano di vaccinare i bimbi dai 12 ai 15 mesi e poi di effettuare un richiamo della vaccinazione dai 4 ai 6 anni.

    Il riposo

    E’ essenziale che un bambino, quando è affetto dalla varicella, rimanga a riposare a casa e non vada a scuola, perché il contatto con gli altri bambini potrebbe essere alto. Meglio rimanere a riposarsi.

    L’igiene

    E’ importante lavarsi le mani spesso, per ridurre le probabilità della trasmissione del virus. Soprattutto occorre badare all’igiene delle mani prima di mangiare e dopo aver usato il bagno.

    Il contatto

    E’ bene che i genitori si assicurino che un bambino con la varicella rimanga lontano dai fratelli e dalle sorelle non vaccinati, per quanto sia possibile. Il contatto faciliterebbe l’esposizione al virus e quindi la trasmissione dell’infezione.

    Le donne in gravidanza

    Le donne in gravidanza e le persone che hanno dei problemi al sistema immunitario non dovrebbero stare vicini ad una persona con la varicella. Se una donna che aspetta un bambino e non ha avuto la varicella in passato contrae il virus, il feto può sviluppare problemi congeniti, in particolare se la trasmissione avviene nelle prime 20 settimane di gravidanza.