Come si trasmette l’ebola: contagio e prevenzione

Come si trasmette l’ebola: contagio e prevenzione

L'ebola è una malattia virale fortemente contagiose e spesso letale

da in Epidermide, Infezioni, Virus
Ultimo aggiornamento:

    EbolaEP

    Come si trasmette l’ebola? Come avviene il contagio e qual è la prevenzione? L’ebola è una malattia virale che si manifesta principalmente attraverso una febbre emorragica spesso letale. Il virus è stato scoperto in Africa nel 1976 e attualmente ne sono stati isolati 5 ceppi, 4 dei quali in grado di infettare l’uomo. Da dicembre 2013 si è diffusa un’importante epidemia di questa malattia in Liberia, Sierra Leone e Nigeria per la quale è stato proclamato lo stato di emergenza per la sanità pubblica internazionale. Il rischio di trasmissione in Europa e in Italia resta, comunque, basso.

    Contagio
    La diffusione del virus dell’ebola può avvenire solo attraverso il contatto diretto con i fluidi corporei di una persona infetta e non per via aerea. Affinché il contagio sia possibile, inoltre, la persona malata deve presentare i sintomi della malattia in stadio avanzato e non essere semplicemente in fase di incubazione. I fluidi più contagiosi sono il sangue, le lacrime, il latte materno, l’urina, ma anche la saliva,lo sperma, il sudore o gli escrementi sono potenzialmente pericolosi. Questo virus è molto potente e infettivo, tanto da poter contaminare oggetti ed indumenti anche a distanza di alcune ore dal contatto diretto con la persona malata. La pelle funge da barriera naturale contro questa malattia perché il virus necessita di un contatto diretto con le mucose, gli occhi, la bocca o con un’abrasione per poter proliferare. L’ebola, quindi, può essere trasmessa attraverso un bacio, avendo rapporti sessuali non protetti, condividendo cibo o siringhe infette. Non può diffondersi, invece, attraverso il semplice contatto con la pelle (come una stretta di mano) o tramite una puntura di insetti.
    Prevenzione
    Al momento non esiste ancora un antidoto per il virus dell’ebola, che è tra i più contagiosi di sempre.

    Fondamentale, quindi, è la prevenzione. In Africa Occidentale sono state attivate delle procedure di controllo, ma volendo viaggiare in paesi potenzialmente esposti al contagio è bene osservare comunque delle attenzioni particolari. Un ruolo fondamentale in tal senso spetta all’igiene: lavare le mani di frequente, utilizzando sapone neutro o candeggina, riduce notevolmente il rischio di contagio. E’ bene, inoltre, evitare il contatto diretto con persone malate o esposte al contagio e con animali randagi. Se non si conosce la provenienza della carne o del latte è consigliabile ridurre il consumo di questi alimenti che, in ogni caso, devono essere consumati previa cottura. Qualsiasi sintomo anomalo (comparsa di malessere diffuso, febbre alta o emorragia sospetta), infine, deve essere segnalato tempestivamente al medico curante o ad una struttura medica attrezzata.

    520

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN EpidermideInfezioniVirus
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI