Come proteggere il cuore dal caldo intenso

Come proteggere il cuore dal caldo intenso

Con il caldo intenso bisogna stare attenti a proteggere il cuore

da in Caldo, Cuore, Diuresi, Sudorazione
Ultimo aggiornamento:

    proteggere cuore caldo intenso

    Il caldo intenso può essere deleterio per la nostra salute. Proprio adesso che imperversa sul nostro Paese l’anticiclone africano Caronte, dobbiamo stare particolarmente attenti a badare al benessere dei bambini e degli anziani. Per questi ultimi nello specifico valgono alcune precauzioni molto importanti, perché con il caldo aumenta il rischio di poter incorrere in infarti e ictus. Sulla questione è intervenuta anche la Società Italiana di Cardiologia geriatrica, che ha fornito un elenco dei comportamenti adeguati per proteggere il cuore.

    Durante l’estate è fondamentale non abbandonare o sottovalutare le cure che si stanno portando avanti. Le terapie, anche se siamo lontani da casa, non vanno interrotte o modificate, nonostante magari sono cambiate le nostre abitudini quotidiane.

    Non bisogna trascurare la buona regola di bere molta acqua, anche quando non se ne sente la necessità. Con l’avanzare dell’età infatti può capitare che si avverte di meno lo stimolo della sete, ma bere molta acqua è importante per il nostro organismo, in quanto si evita la disidratazione.

    Oggetto di attenzione deve essere anche l’alimentazione. A questo proposito è utile mangiare frutta e verdura ogni giorno, in modo da reintegrare i sali minerali che abbiamo perso con la sudorazione. Frutta e verdura sono fra i cibi che aiutano a difendersi dal caldo intenso.

    Andrebbero invece evitati gli alcolici, le bibite gassate e le bevande troppo fredde.

    Se abbiamo in mente di fare una vacanza, bisogna scegliere con attenzione la meta. Chi soffre di cardiopatia o di malattie respiratorie non dovrebbe recarsi in montagna oltre i 1.550 metri di altezza. Meglio chiedere un consulto al medico di famiglia.

    Gli anziani possono dedicarsi a qualche passeggiata anche in estate, ma dovrebbero scegliere le ore meno calde, evitando la fascia dalle 11 alle 18, in modo da non incorrere in colpi di calore che potrebbero rivelarsi fatali. Con l’estate e con il caldo si dovrebbe adottare una specifica prevenzione contro il colpo di calore. Bisogna fare attenzione anche alla pressione del sangue, che in estate tende a scendere.

    Visto che si suda di più bisognerebbe ridurre i diuretici, in ogni caso è bene consultare il medico di fiducia, per vedere se è il caso di ridurre la quantità di diuretici e di antipertensivi. Attenzione anche alle aritmie, alle palpitazioni, alla stanchezza e all’aumento della frequenza cardiaca, che sono segnali da non trascurare. Insieme all’abbassamento di pressione, potrebbero infatti indicare un possibile attacco cardiaco.

    489

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CaldoCuoreDiuresiSudorazione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI