Come curare la dipendenza da Facebook

Come curare la dipendenza da Facebook

La dipendenza da Facebook può essere riconosciuta da sintomi specifici che si traducono in un generale malessere psicofisico

da in Benessere, Cure, Dipendenze, In Evidenza, Psicologia, Salute mentale
Ultimo aggiornamento:

    dipendenza da facebook curare

    La dipendenza da Facebook da curare può essere considerata a tutti gli effetti un problema che rientra nell’ambito della salute mentale e che si propone come il frutto di tempi moderni in cui ormai in molti non possono fare a meno di dedicarsi alla socializzazione virtuale portata avanti per mezzo del noto social network. Internet porta con sé infatti nuovi disagi psicologici.

    Dipendenza da Facebook: sintomi
    dipendenza da facebook sintomi
    Non possiamo certo dire che il web sia uno strumento da condannare, considerati tutti i vantaggi che è capace di apportare. In ogni caso a volte un rapporto sbagliato con la rete, specialmente nel caso degli adolescenti, può essere causa di un disagio che va preso in considerazione. Ma come ci si accorge di essere dipendenti dall’interazione multimediale proposta da Facebook?

    I sintomi sono evidenti: non ci si riesce a staccare dalla rete sociale, si finisce con il trascurare le relazioni reali, si prova una sensazione di onnipotenza, intesa a controllare tutto, visto che il virtuale è facilmente gestibile, perché privo di tutte quelle sfumature che caratterizzano invece i rapporti dal vivo.

    Allo stesso tempo si può incorrere in stati mentali paranoidei e si può cominciare ad assumere identità diverse, è noto infatti il rapporto tra Facebook e false personalità. Inoltre è da considerare che ci si può ritrovare in presenza di veri e propri sintomi da astinenza, che si traducono in un generale malessere psicofisico: ansia, sudorazione, paura di perdere il controllo, fuga mentale dalla realtà. Ovviamente alla base ci sono insicurezze personali, che concorrono all’insorgenza della dipendenza psicologica.

    Dipendenza da Facebook: strategie terapeutiche
    dipendenza da facebook strategie terapeutiche
    Per curare la dipendenza da Facebook possono essere utili diverse strategie, che sono comunque da stabilire mediante il consulto con un esperto, che può essere uno psicologo, uno psichiatra o uno psicoterapeuta.

    Ci si può orientare verso una psicoterapia cognitivo – comportamentale o ad una psicoterapia di gruppo, che comprenda altre persone affette dallo stesso problema psicologico.

    In certi casi complessi, nei quali ci si trova di fronte a disturbi d’ansia o di depressione, si potrebbe ricorrere anche i farmaci da prendere solo su prescrizione medica. Soprattutto per i ragazzi aumenta la dipendenza da internet e da Facebook. Per questo anche in Italia sono stati approntati specifici centri di cura per questa nuova forma di patologia. Fra questi uno dei più famosi è l’ambulatorio del Policlinico Gemelli di Roma.

    Dipendenza da Facebook: tappe del percorso terapeutico
    dipendenza da facebook tappe percorso terapeutico
    Considerando che la dipendenza da Facebook e da internet in generale porta sia a problemi mentali, come insonnia e sbalzi d’umore, che fisici, come mal di schiena, difficoltà alla vista e tunnel carpale, è stato messo a punto un apposito percorso terapeutico composto da un colloquio iniziale, altri incontri per capire eventuali patologie sottostanti, possibile supporto farmacologico, trattamento riabilitativo di gruppo, in modo che, oltre a quelli su Facebook, si impari a dare più spazio anche agli amici veri in carne ed ossa.

    Se l’argomento della dipendenza da Facebook vi ha appassionato, potete leggere anche i seguenti articoli:

    Rapporti non protetti anche per colpa di Facebook
    Salute: su Facebook giovani che si sentono anziani
    Sifilide: una relazione nella diffusione della malattia a causa di Facebook
    Facebook: fa bene o male alla vita di coppia?
    Facebook: a rischio la concentrazione
    Esibizionismo: secondo gli psicologi esplode su FaceBook

    865

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCureDipendenzeIn EvidenzaPsicologiaSalute mentale
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI