Da 20 minuti a 20 anni: come cambia il corpo quando si smette di fumare

Come cambia il corpo quando si smette di fumare? Gli effetti positivi cominciano a vedersi già dopo 20 minuti e via via sono più evidenti man mano che passa il tempo.

da , il

    Come cambia il corpo quando si smette di fumare? I primi effetti positivi si sentono già dopo 20 minuti e gli effetti riguardano soprattutto il respiro, il gusto e il benessere fisico in generale. Ma non si tratta solo di questo, infatti, smettendo di fumare, diminuisce anche il rischio di incorrere nei tumori. Con il passare dei giorni si sentono sempre di più i vantaggi che derivano dalla liberazione del corpo dalla nicotina. Alcuni benefici si riscontrano anche dopo 9 mesi e, dopo circa 10 anni, si abbassa considerevolmente il pericolo di ammalarsi di cancro. Vediamo cosa succede, via via, con il passare del tempo, nel nostro organismo, se riusciamo a liberarci dalle sigarette.

    Dopo 20 minuti

    Smettere di fumare comporta tanti benefici e vantaggi. 20 minuti potrebbero rappresentare un tempo ridotto, eppure già qualcosa cambia: si stabilizza la pressione sanguigna e si normalizza la frequenza cardiaca.

    Dopo 8 ore

    Questo può essere considerato il momento psicologicamente più difficile, perché si deve lottare anche con la dipendenza mentale dal fumo. Intanto nel corpo scendono i livelli di monossido di carbonio e i livelli di ossigeno tornano alla normalità.

    Dopo 24 ore

    Si sentono in maniera forte i sintomi da carenza di nicotina, come depressione, irritabilità ed ansia. Il monossido di carbonio ritorna ad un livello normale.

    Dopo 48 ore

    Migliorano il senso del gusto e quello dell’odorato. Si recupera quella sensibilità che sembrava essere andata persa.

    Dopo 72 ore

    Aumenta il desiderio di fumare, si hanno cambiamenti nell’appetito, si può soffrire di vertigini e si possono incontrare difficoltà nel riposarsi.

    Tra le 2 settimane e i 9 mesi dopo

    Cominciano a venire meno gli effetti collaterali negativi. Migliora la circolazione del sangue, si normalizza il lavoro dei polmoni, spariscono la tosse e la congestione nasale. L’energia fisica aumenta, tutto il corpo si libera dalla presenza di nicotina.

    Dopo un anno

    Cuore e arterie sono soggetti a moltissimi miglioramenti: scende del 50% il rischio di malattie coronariche, di infarto e di ictus.

    Dopo 5 anni

    Scende del 41% il rischio di emorragia cerebrale; il pericolo di incorrere in un ictus diventa pari ai livelli di chi non ha mai fumato.

    Dopo 10 anni

    I rischi legati ai tumori scendono di molto. In particolare si abbassa quello del cancro alla gola, all’esofago, alla bocca, al pancreas; si abbassa fino al 70% il rischio di incorrere in un tumore al polmone.

    Dopo 15 anni

    Diminuisce il rischio generico di morte precoce e molti fattori ritornano alla normalità, facendo pensare alla condizione di salute di chi non ha mai fumato nella vita.

    Dopo 20 anni

    Scende al livello dei non fumatori il rischio di ammalarsi di cancro al pancreas. Si abbassa notevolmente anche il rischio di morte per le donne, raggiungendo quello che riguarda le non fumatrici.