Circolazione sanguigna: gli effetti del Romanticismo

Circolazione sanguigna: gli effetti del Romanticismo

Una recente ricerca è riuscita a dimostrare che leggere le poesie del Romanticismo determina degli effetti sulla circolazione sanguigna, con un maggiore afflusso di sangue al viso

da in Benessere, Circolazione, Corpo, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cuori romanticismo

    La circolazione sanguigna risente della lettura dei componimenti letterari che appartengono al periodo del Romanticismo. Sembra strano, ma come ha dimostrato una ricerca della Abarystwyth University, è proprio così. Il tutto sta nell’effetto che le parole hanno sulla nostra mente e sul nostro corpo. Una scoperta curiosa, che fa riflettere su un fatto bizzarro.

    Ascoltare o leggere dei versi poetici della corrente letteraria in questione agirebbe in maniera diretta sulla circolazione sanguigna, determinando un afflusso più consistente di sangue al viso e facendo comparire sulle guance un lieve rossore, che indicherebbe il verificarsi del curioso processo. Gli studiosi lo hanno verificato coinvolgendo in un particolare esperimento 12 volontari, che sono stati impegnati nella lettura di poesie caratteristiche del Romanticismo.

    Le poesie avevano come temi principali i sentimenti e l’amore. Mentre i soggetti leggevano i componimenti, una videocamera permetteva di tenere sotto controllo le reazioni del loro volto. Grazie ad una sofisticata tecnologia gli studiosi avevano anche la possibilità di evidenziare i cambiamenti che interessavano la temperatura corporea dei soggetti interessati.

    Si è potuto appurare che più aumentava il carattere sentimentale delle poesie più si verificavano dei veri e propri sbalzi di temperatura nel corpo dei volontari impegnati nella lettura.

    Analizzando bene le reazioni dei muscoli facciali di una persona è possibile dunque avere un’idea delle emozioni che sta provando e dei pensieri che sta concependo in un dato momento. Un’opportunità che, se perfezionata, potrebbe portare a diverse implicazioni.

    Immagine tratta da: ildireeilfare.it

    320

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCircolazioneCorpoMentePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI