Cibo: dal produttore al consumatore

Farmer Market, l'alimentazione naturale dal produttore al consumatore, non necessariamente alla salute fa bene

da , il

    Piselli

    Ma proprio di fatto! Per una questione non solo di prezzo, ma sempre di piu’ di salute, si decide di fare l’acquisto direttamente dal produttore, nei cosi’ chiamati “Farmer market” per evitare l’inghippo della merce della grande produzione. Secondo la stima Coldiretti sarebbero in totale circa 60 mila gli italiani a caccia del salutare e del naturale.

    La volonta’ di questi compratori e’ di sapere esattamente che cosa vanno a mangiare: temono di essere ingannati e vogliono avere certezza della tracciabilita’ e della condizione in cui il cibo e’ prodotto, disposti, poi, eventualmente, a comprarlo anche al super, se si trovano bene.

    Questa mania di naturalezza, conviene? Economicamente e sulla grande quantita’ si’. Miele, carni, salumi, formaggi e ortaggi insieme alla frutta e piu’ in generale l’ortofrutta, sono meno costosi dal contadino che non nella grande distribuzione, specie se a vendere sono direttamente i produttori, che tanto in Europa, quanto in America, hanno deciso di usare anche questa formula.

    In fatto di salute non e’ necessariamente vero che il prodotto dell’agricoltore e’ migliore, specie per latticini, salumi e prodotti a lavorazione, un prodotto naturale, proprio per la sua integrita’, puo’ essere poco adatto a chi non e’ abituato a questo genere di alimento.

    Foto da http://www.cartolineelettroniche.com