Cibo: a tavola la donna si comporta diversamente dall’uomo

Cibo: a tavola la donna si comporta diversamente dall’uomo

Osservando il comportamento, per lo più inconscio di un gruppo di donne durante una cena o un pranzo, si osserva che l’appartenente al sesso femminile si concede meno stravizi e privilegia cibi a baso dosaggio di calorie se i commensali sono rappresentati per lo più da uomini

da in Alimentazione, Calorie, Dieta, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    commensali

    A tavola la differenza di sesso si vede eccome, lo dimostra uno studio della McMaster University (Stati Uniti), pubblicato sulla rivista Appetite che avrebbe dimostrato come diverso sia l’atteggiamento della donna a tavola con commensali maschi, rispetto a quando condivide la tavola con persone dello stesso sesso o in prevalenza rispetto agli uomini.

    Osservando il comportamento, per lo più inconscio di un gruppo di donne durante una cena o un pranzo, si osserva che l’appartenente al sesso femminile si concede meno stravizi e privilegia cibi a baso dosaggio di calorie se i commensali sono rappresentati per lo più da uomini.

    Ben altra situazione è quella cui si assiste quando la donna è attorniata da commensali tutte donne i in prevalenza appartenenti al “ sesso debole”, in questo caso la donna si lascia andare a pasti più sostanziosi e spesso più abbondanti.

    I motivi per cui si realizza tutto ciò non è chiaro, visto che, oltretutto, all’uomo non capita la stessa cosa. “Una persona sceglie come mangiare a seconda della persona con cui sta mangiando”, ha spiegato Meredith Young, ricercatrice a capo dello studio.


    “Il sesso dei compagni di cena influenza molto la scelta femminile delle calorie. Le donne, in particolare, sono molto influenzate dalla presenza di uomini: più uomini ci sono in un gruppo di persone che mangiano, più le donne scelgono alimenti con poche calorie”.”Mangiare è un’attività sociale – ha detto Young – e le industrie alimentari associano da tempo porzioni più piccole al sesso femminile”.

    289

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCalorieDietaPsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI