Chirurgia estetica: le tecniche dolci per il lifting

Prima di ricorrere al bisturi si dovrebbe cercare di sfruttare le tecniche dolci che permettono di effettuare un lifting del viso in modo poco invasivo e in base alle esigenze dei soggetti

da , il

    chirurgia estetica lifting

    Le tecniche di chirurgia estetica e del lifting sono sempre più usate per rimanere giovani e combattere i segni del tempo, che si manifestano soprattutto sul volto. Ci sono delle tecniche dolci che permettono di eseguire ritocchi in maniera poco invasiva e soprattutto non lasciano visibili effetti troppo evidenti tra il prima e il dopo l’intervento.

    Essenziale è da questo punto di vista che venga messa in atto una vera e propria interazione fra le diverse terapie, in modo da correggere gli inestetismi e allo stesso tempo cercare di portare avanti un’adeguata manutenzione degli effetti ottenuti. Molte tecniche possono essere utili in questo senso, come per esempio la biorivitalizzazione o le microiniezioni che sono in grado di stimolare il collagene e l’elastina. Molto validi sono le vitamine, gli aminoacidi e gli oligoelementi antiossidanti. Il tutto serve ad attuare anche giuste forme di prevenzione.

    Tra gli elementi utilizzati va senza dubbio ricordato il botox, che produce un effetto visibile in genere dopo una settimana dall’infiltrazione e che determina un risultato in grado di durare in un tempo determinato. Ma ci sono anche altre sostanze che vengono sempre più richieste ed utilizzate, come per esempio collagene, acido ialuronico e geleon di alginato. I vantaggi sono molti: poca invasività e velocità nel permettere l’esposizione al sole.

    Il laser frazionale, il needling e la radiofrequenza sono i ritrovati innovativi che permettono di rimanere giovani senza ricorrere al bisturi, che dovrebbe essere usato come ultima alternativa o quando si arriva ad una certa età. Ce n’è davvero per tutte le esigenze.

    Immagine tratta da: adesso-online.de