Chirurgia estetica: i rischi del turismo estetico

Chirurgia estetica: i rischi del turismo estetico

Non cedete all'illusorio vantaggio di un viaggio all'estero con annesso intervento di chirurgia plastica a prezzi modici: i rischi sono davvero troppo alti

da in Benessere, Chirurgia estetica, Estetica e Trattamenti, In Evidenza, Interventi Chirurgici
Ultimo aggiornamento:

    rischi turismo esttico bisturi

    In Sudafrica per un lifting, una liposuzione e un safari alla modica cifra di 12 mila dollari. È solo una delle tante offerte del cosiddetto “turismo estetico”; che abbina vacanze e intervento di chirurgia plastica. Una moda tornata pericolosamente in auge, complice anche la crisi e la spregiudicata concorrenza a livello internazionale. Ma i rischi sono davvero tanti.

    Così, dopo i viaggi all’estero, soprattutto nell’Est Europa, per i trattamenti odontoiatrici low cost, è la volta della chirurgia estetica, che trova il suo picco proprio nel periodo natalizio: “Negli ultimi anni le persone che si sono rivolte all’Istituto per rimediare a danni o complicazioni incorse in questo genere di viaggi sono più che raddoppiate” rivela, secondo la sua esperienza diretta, il professor Pietro Lorenzetti, chirurgo plastico e direttore scientifico della clinica romana Villa Borghese.

    Ad attrarre è spesso il prezzo basso, ma proprio quello dovrebbe essere il primo campanello di allarme. Per chiedere meno soldi, infatti, offrono meno, in termini di qualità dei prodotti usati (il prezzo medio di una coppia di protesi della migliore qualità è di circa 1500 – 2000 euro, quindi come è possibile far pagare 2.500-3.000 euro l’intero intervento?), preparazione del chirurgo (l’aggiornamento e la specializzazione costano) e sicurezza.

    Viene a mancare anche l’attenzione al paziente: “La dimissione spesso avviene la sera stessa dell’intervento, i controlli post operatori sono al minimo. In Italia la prassi prevede controlli dopo 1 settimana, dopo tre e dopo due mesi, chi se ne occupa se il paziente è tornato a casa?” sottolinea l’esperto.

    Senza dimenticare il rischio di infezioni e complicazioni derivante sia da carenze igienico-sanitarie, sia dalle caratteristiche intrinseche dei luoghi e del viaggio: “Il clima caldo umido di alcune località è assolutamente sconsigliato in molti interventi. Mettiamo nel conto poi un viaggio di ritorno di 8, 10, anche 14 ore: è noto che lunghi viaggi aerei favoriscono il rischio di Trombosi Venosa Profonda” avverte Lorenzetti.

    E se qualcosa va storto? È molto difficile intentare una causa internazionale e spesso bisogna ricorrere a un secondo intervento chirurgico, in Italia “con un costo sia in termini di stress che meramente economico” sottolinea il medico. “E come se non bastasse gli interventi ‘secondari’ sono in genere più complessi”.

    Ma se non volete desistere, prendete almeno alcune precauzioni: conoscere il nome del chirurgo che vi opererà, già prima della partenza, e controllarne la qualifica sul sito dell’Ipras, la Federazione Mondiale di Chirurgia Plastica (se possibile, informarsi anche sulla fama della clinica); verificare la legislazione vigente nel paese in tema di tutela del paziente in caso di chirurgia plastica ed estetica, e, infine, stipulare una assicurazione specifica.

    537

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereChirurgia esteticaEstetica e TrattamentiIn EvidenzaInterventi Chirurgici
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI