Cervello: uomini e donne nelle reazioni al pericolo

Cervello: uomini e donne nelle reazioni al pericolo

Di fronte al pericolo uomini e donne mettono in atto strategie cerebrali differenti, mostrando l'attivazione di particolari aree cerebrali

da in Cervello, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    emozioni

    Uomini e donne non sembrerebbero manifestare le stesse reazioni di fronte ai pericoli. Il cervello infatti attiva determinate aree, che dimostrano come i meccanismi cerebrali che vengono in atto non sono sempre uguali per tutti gli individui. Si tratta di differenti strategie nei confronti delle situazioni pericolose, che mostrano diversi sistemi.

    Gli uomini e le donne rappresentano sistemi di adattamento per certi versi dissimile all’ambiente in cui si trovano a vivere. Questa conclusione è stata messa in evidenza nel corso di una ricerca condotta dal Jagiellonian University Hospital di Cracovia.

    Gli studiosi hanno preso in considerazione 21 uomini e 19 donne, che sono stati indotti alla visualizzazione di immagini neutre o di foto che facevano ricordare delle situazioni di pericolo. Mentre i soggetti erano impegnati nell’osservazione delle immagini, i ricercatori usavano la risonanza magnetica funzionale, per esaminare la loro attività cerebrale.

    Si è potuto così riscontrare che nel cervello degli uomini si attivava l’area che corrisponde all’insula, ossia la zona cerebrale che è implicata nel controllo delle reazioni involontarie, mentre nelle donne si attiva la parte sinistra del talamo, che si occupa di controllare il piacere e il dolore.

    Tutto questo fa pensare ad una reazione che nel caso degli uomini indicherebbe una tendenza ad entrare in azione di fronte al pericolo.

    Le donne invece hanno rivelato di attivare di fronte alle immagini positive le aree cerebrali implicate nella memoria, mentre negli uomini viene maggiormente stimolato il sistema visivo. Attraverso l’associazione tra immagini positive e memoria le donne si rivelano portatrici di una strategia sociale basata sulle emozioni e sui sentimenti.

    Immagine tratta da: blog.libero.it

    331

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI