NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: scoperti neuroni “navigatori”

Cervello: scoperti neuroni “navigatori”

Il cervello ha il suo "navigatore" naturale: neuroni deputati all'orientamento, praticamente innati, che si sviluppano nell'arco di alcuni giorni dopo la nascita per poi aumentare

da in Cervello, Neuroni, News Salute, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Il cervello e i neuroni dell’orientamento

    Anche il cervello ha il suo “navigatore” personale, fatto di un vero esercito di neuroni in continuo aumento dalla nascita in poi. Veri propri neuroni dell’orientamento, che guidano il cervello e il corpo umano verso la meta prefissata. Come i più sofisticati strumenti tecnologici, questi neuroni “bussola”, aiutano fin dalle prime ore di vita a orientarsi al meglio nello spazio circostante. La scoperta è un gruppo di ricercatori norvegesi, guidati da Rosamund Langston della Norwegian University of Science and Technology.

    Gli scienziati scandinavi hanno dimostrato che il senso dell’orientamento non si forma con il tempo, è innato, come i neuroni cerebrali che lo rendono possibile. Grande risultato reso possibile da una sperimentazione in laboratorio, condotta sui topi.

    I neuroni, responsabili dell’orientamento, capaci di organizzare lo spazio e le direzioni, di immagazzinare punti di riferimento spaziali e di guidare i movimenti, sono presenti fin dai primi giorni dopo la nascita: i cuccioli di topo esaminati, sviluppano, nell’arco di alcune ore, tutte le cellule cerebrali indispensabili per orientarsi nel modo migliore.

    Qualità innata, che migliora giorno dopo giorno, informazione dopo informazione, stimolando la crescita di nuovi neuroni “bussola”, che affinano progressivamente il senso dell’orientamento. Processi guida importanti, che i neuroni svolgono in una delle parti del cervello più importanti, sede di molte funzioni cognitive, l’ippocampo.

    Gli scienziati norvegesi hanno risolto un altro dilemma, chi ha il migliore senso dell’orientamento, gli uomini o le donne? Non ci sono vantaggi per nessun sesso, uomo e donna partono con lo stesso bagaglio di neuroni “navigatori”, la differenza la fanno le esperienze: gli esploratori più attivi, che ricevono e immagazzinano più informazioni, perfezionano al meglio il senso dell’orientamento.

    Immagine tratta da: associazioneminerva.net

    361

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNeuroniNews SaluteRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI