NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Cervello: resta sano con le feste e gli amici

Cervello: resta sano con le feste e gli amici

Una ricerca americana ha messo in evidenza che il cervello è in grado di restare sano e di essere meno soggetto al declino cognitivo con una vita sociale molto intensa nel corso degli anni

da in Cervello, Deficit cognitivo, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica, Socializzazione
Ultimo aggiornamento:

    cervello restare sano feste amici

    Il cervello è in grado di restare sano e di mantenersi giovane con le feste e con gli amici. La questione fondamentale è sempre quella della socializzazione, che si rivela un vero toccasana per la mente e per le nostre abilità cognitive. A dimostrarlo è stato uno studio dei ricercatori del Rush University Medical Center.

    La ricerca scientifica ha spiegato molto riguardo alle strategie da portare avanti per proteggere il nostro cervello. Per esempio in tema di alimentazione si è scoperto che la liquirizia potrebbe proteggere il cervello. Ma c’è di più, infatti è stato riscontrato che il cervello riesce ad essere flessibile e questo si rivela fondamentale per tutte le azioni che dobbiamo compiere nell’ambito della vita di ogni giorno. Ma per portare avanti questa flessibilità in maniera efficiente dobbiamo puntare molto sulla vita sociale.

    Quest’ultima sarebbe un fattore fondamentale che garantisce la possibilità di ritardare il declino cognitivo.

    Lo studio aiuta ad avere un cervello giovane. Ma anche incontrare gli amici e partecipare alle feste si rivela essenziale per il benessere mentale. Attraverso la ricerca è stato infatti notato che nel corso degli anni i soggetti che avevano portato avanti con maggiore intensità una vita sociale mostravano una riduzione del livello del declino cognitivo.

    Ancora non si è riusciti spiegare quali sono i meccanismi che entrano in gioco nella determinazione di questo particolare processo. Alcuni studiosi ipotizzano che si tratta di mantenere in attività delle reti di neuroni che altrimenti si spegnerebbero. Ma è necessario fare maggiore chiarezza a questo proposito.

    326

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloDeficit cognitivoPrimo PianoPsicologiaRicerca MedicaSocializzazione
    PIÙ POPOLARI