Cervello: non sempre cosi’ “infinitamente intelligente”

Cervello: non sempre cosi’ “infinitamente intelligente”

Il nostro cervello e' predisposto all'errore e frutto di una evoluzione genetica che ha visto accumularsi imperfezioni e sbagli

da in Cervello, News Salute, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Psicanalista

    Quando si pensa al cervello si pensa a un grande elaboratore di informazioni e sensazioni, a cui si danno dei poteri infiniti, ma ahime’ non e’ cosi’, nel senso che potrebbe sembrare vero, ma il nostro cervello lavora in realta’ non nel migliore, ma di norma nel peggiore dei modi.

    A e questa tesi lo psicologo Gary Marcus, esperto di scienze cognitive alla New York University. Parla infatti nel suo nuovo libro di evoluzione della specie e di errori del cervello: errori che sommati darebbero comportamenti anomali e imperfezioni di un elaboratore dunque non cosi’ buono come si crede.

    La tesi e’ sostenuta nel suo libro: Kluge, ingegneria approssimativa della mente umana”.

    Quando si parla di errori del cervello, non si intendono le malattie mentali, si intendono invece i normali e quotidiani momenti di distrazione, lapsus, abbagli, incomprensioni, distrazioni, incapacita’ di leggere bene tra le informazioni e uso sbagliato delle potenzialita’ della mente.

    In questi termini il neuropsichiatra definisce l’uomo un essere “in apparenza normale” ma in realta’ frutto di una evoluzione continua e di un accumularsi continuo di errori e di contraddizioni, sulla base della logica che il cervello, essendo autoconservativo, tende a compiere le azioni nel modo piu’ semplice e piu’ immediato, non necessariamente il migliore.

    Foto da http://www.arredus.it/

    281

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNews SalutePsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI