Cervello: non può aumentare più di così

Cervello: non può aumentare più di così

Secondo il professore Simon Laughlin, docente di Neurobiologia all'università di Cambridge, le potenzialità del cervello non potranno aumentare più di così per vari motivi

da in Cellule, Cervello, Intelligenza, News Salute, Primo Piano, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    cervello non puo aumentare

    Il cervello non può aumentare più di così, sia per dimensioni che per funzionalità. Secondo uno studioso inglese molto importante, infatti, quest’organo avrebbe raggiunto il limite massimo. Sia da un punto di vista fisico che energetico il cervello non potrebbe aumentare più di così. Eppure chiunque di noi avrebbe giurato, che in un futuro, gli uomini avrebbero avuto delle grandi potenzialità intellettuali, come telecinesi o telepatia.

    Il concetto deriva da alcuni studi del professore Simon Laughlin, docente di Neurobiologia all’università di Cambridge, che si ritrovano nel libro «Work Meets Life», di cui è coautore. Secondo il professore il cervello non potrebbe aumentare ancora per due motivi. Il primo è che non vi è più spazio, ed il secondo riguarda il numero delle connessioni tra le cellule, dalle quali dipende l’intelligenza della persona. Il problema è che la quantità non può aumentare a causa dell’energia spesa per tali connessioni.

    Infatti, il cervello umano consuma circa il 20% dell’energia.

    Quest’organo come il cuore, per svolgere le proprie funzioni necessita di una quantità energetica abbastanza elevata. Quindi data la spesa di energia consumata dagli organi, un aumento delle connessioni cerebrali, e quindi uno sviluppo superiore dell’intelligenza, andrebbe a scontrarsi con i limiti energetici ormai raggiunti. Secondo il professore non solo non si avrà uno sviluppo, ma addirittura, ci potrebbe essere una regressione. Un cambiamento drastico, come la mancanza di cibo, causerebbe una riduzione di energia e quindi dell’intelligenza.

    302

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CelluleCervelloIntelligenzaNews SalutePrimo PianoRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI